Gli effetti della violenza domestica sulle donne vittime. E molta più Violenza nelle coppie Gender emerge da dati ignorati.

Gli effetti della violenza domestica sulle donne vittime.
[ Studio estratto da un sito francese sulla Solidarietà alle donne. ]
https://solidaritefemmes-la.fr/home-besoin-daide/les-effets-des-violences-conjugales-sur-les-femmes-victimes

La vita di una coppia, nonostante i cambiamenti sociali degli ultimi decenni, continua a rappresentare un ideale.
Le donne vittime di violenza domestica sono spesso prigioniere di questo “ideale”. La violenza domestica fa parte di una relazione romantica.
Questi dati consentono di comprendere lo stato di confusione, esitazione o addirittura ambivalenza in cui la vittima si trova di fronte alla violenza che subisce dal coniuge.
Il processo di controllo avviene in due fasi
: inizia con la seduzione, poi se la donna resiste, l’uomo usa metodi violenti sempre più evidenti.
La fase della seduzione dà l’illusione di uno scambio emotivo … Le donne parlano spesso di un amore ideale, di un principe azzurro … Non si tratta di seduzione amorosa, reciproca, ma di seduzione narcisistica destinata ad affascinare l’altro e, allo stesso tempo, a paralizzarlo …
La donna si destabilizzerà e gradualmente perde fiducia in se stessa.

“Anche se la sua libertà viene gradualmente erosa, continua a credere di essere libera e che l’uomo non le imponga nulla. Tuttavia, attraverso la microviolenza o l’intimidazione, viene progressivamente privata di ogni libero arbitrio e di ogni sguardo critico sulla sua situazione. È confusa e incerta, ridotta alla sottomissione, impedita di discutere o resistere, e finisce per considerare normale il modo in cui viene trattata … La presa impedisce alla donna di ribellarsi contro l’abuso che “soffre, la rende obbediente e la incita a proteggere il suo aggressore e ad assolverlo da ogni violenza”.
Marie-France Hirigoyen, dottoressa in medicina, specializzata in psichiatria – estratto dal libro “Le donne sotto l’influenza, Le sorgenti della violenza nella coppia” – edizione Oh! – 2005.

Per liberarsi dalla morsa e dalla paura, la strada può essere lunga. Spesso viene eseguito in più fasi, andando avanti e indietro.
A meno che non ci sia pericolo, dobbiamo accettare questo processo, le scelte della vittima e aiutarlo a prendere coscienza della realtà della sua situazione e della presa in cui è mantenuto dal coniuge.
Si tratta di rispettare il proprio ritmo perché rinunciare alla violenza è rinunciare alla propria vita matrimoniale. Uscire dalla presa è tanto più difficile in quanto coesistono sentimenti diversi (amore, paura, rinuncia a una coppia, una vita familiare idealizzata, dubbio, paura dell’ignoto …) e il coniuge la tiene permanentemente in una situazione di confusione e paura.
Qualsiasi donna, qualunque sia la sua personalità o la sua posizione sociale, potrebbe dover sopportare la violenza del suo partner, ma alcuni fattori di vulnerabilità a volte rendono più facile entrare in contatto con questo tipo di uomo e ridurre le difese di una donna.

“Come avrei potuto accettarlo? Non mi rendevo conto che fosse inaccettabile. Dentro di me mi sono ribellato più volte, ma non ho mai detto niente. A ogni insulto avrei dovuto dire: “Non accetto che mi parli così”, invece c’era un abisso che si apriva sotto i miei piedi “.
“Mi ha detto che ero cattivo, cattivo e che meritavo di essere corretto. Pensavo che probabilmente avesse ragione, che non ero abbastanza bravo, dal momento che non potevo placarlo ”.
Asa Grennvall – Libro 7 ° piano – Edizione Agrume – 2013).

Effetti psicologici Il
controllo costituisce uno degli elementi del processo di controllo. L’aggressore si impossessa gradualmente della vita dell’altro controllandola, con l’obiettivo di dominarla. Questo controllo può assumere diverse forme: controllo dei vestiti, pasti, relazioni sociali, disturbi del sonno, ecc. A poco a poco, la vittima viene isolata dalla sua famiglia, dai suoi amici e dal suo lavoro …

“Isolando sua moglie, l’uomo si assicura che la sua vita sia concentrata esclusivamente su di lui. Ha bisogno che lei si prenda cura di lui, che pensi solo a lui ”.
Marie-France Hirigoyen, dottoressa in medicina, specializzata in psichiatria – estratto dal libro “Le donne sotto l’influenza, Le sorgenti della violenza nella coppia” – edizione Oh! – 2005.

Spesso, la vittima si isola “da se stessa” per evitare che la situazione si aggravi se interagisce con persone esterne alla coppia. Adatta il suo comportamento a quello del coniuge. Abbandona i propri desideri per soddisfare quelli del coniuge e quindi, spera, limita la sua violenza.

“L’autostima diminuisce, la donna perde ogni fiducia, diventa più fragile e più vulnerabile”.
Professor Debout Responsabile del Dipartimento di Medicina Legale dell’Ospedale Universitario Saint Etienne – Realities n ° 90 – Pubblicazione UNAF – GIUGNO 2010.

Queste situazioni generano stress e tensioni permanenti, che richiedono una costante adattabilità da parte della vittima. Le conseguenze sulla salute sono significative.

Effetti sulla salute della vittima
Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità e il professor Debout, capo del dipartimento di medicina legale presso l’Ospedale universitario Saint Etienne, la violenza all’interno della coppia ha un impatto importante sulla salute delle donne, porta a gravi problemi di salute fisica, mentale, sessuale e riproduttiva a breve e lungo termine per le vittime ei loro figli e quindi hanno costi sociali ed economici elevati. Le lesioni traumatiche sono molteplici, di diversa età e di natura molto varia. Il professor Henrion ha dimostrato che le donne vittime di violenza domestica perdono da uno a quattro anni di vita sana.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le conseguenze sulla salute sono molteplici:

La violenza contro le donne può avere esito fatale, che si tratti di omicidio o suicidio.

La violenza del partner intimo e la violenza sessuale possono portare a gravidanze indesiderate, aborti indotti, problemi ginecologici e infezioni a trasmissione sessuale, compreso l’HIV. Lo studio del 2013 ha rilevato che le donne che avevano subito abusi sessuali o maltrattati avevano una probabilità 1,5 volte maggiore di contrarre un’infezione a trasmissione sessuale e, in alcune aree, di contrarre l’HIV. rispetto alle donne che non hanno subito violenza da parte del partner. Hanno anche il doppio delle probabilità di abortire.

La violenza da parte di un partner intimo durante la gravidanza aumenta anche la probabilità di aborto spontaneo, nati morti, nascite pretermine e basso peso alla nascita.

Queste forme di violenza possono portare a depressione, disturbo da stress post-traumatico, disturbi del sonno e dell’alimentazione, problemi di salute mentale e tentativi di suicidio. Lo stesso studio ha rilevato che quasi il doppio delle donne che avevano subito violenza dal proprio partner intimo avevano problemi di depressione o alcolismo.

Gli effetti sulla salute possono assumere la forma di mal di testa, mal di schiena, dolore addominale, fibromialgia, problemi digestivi, mobilità ridotta e cattiva salute generale … ecc.

La violenza sessuale, soprattutto durante l’infanzia, può portare a un aumento del fumo, dell’abuso di droghe e alcol e di comportamenti sessuali a rischio più tardi nella vita. È anche associato a una tendenza a ricorrere alla violenza (per gli uomini) o ad essere vittima di violenza (per le donne).

www.who.int/mediacentre/

Il professor Debout specifica “che lo stato di tensione, paura e angoscia in cui le donne maltrattate vengono mantenute dal loro aggressore può produrre diverse forme di disturbi mentali. Più del 50% delle donne vittime di violenza domestica soffre di depressione. Possono essere la naturale conseguenza di una situazione in cui la donna si sente o non è davvero in grado di fuggire. Possono essere legati alla sensazione che la vita della coppia stia volgendo al termine, all’incertezza sul futuro, alla paura di rappresaglie, di perdere la custodia dei figli, di difficoltà economiche… ”.

“Molte donne vittime di violenza domestica mostrano i segni del disturbo da stress post-traumatico con esperienze iterative di eventi che ritornano in pensieri” intrusivi “, flashback o che causano incubi. Possono anche esserci stati di disorientamento o confusione mentale, con pensieri deliranti o paranoici. Possiamo anche osservare disturbi veramente psicotici, la violenza coniugale è in grado di rivelare o esacerbare uno stato precedente ”.

La dottoressa Muriel Salmona (Missione interministeriale per la protezione delle donne contro la violenza contro le donne e la lotta alla tratta di esseri umani) ritiene che la violenza domestica crei un’estrema ansia post-traumatica nella vittima. Questo stress causa un rischio cardiovascolare e neurologico vitale. Per fermare questo rischio funzionale, il circuito neurale si “disgiunge” automaticamente grazie alla secrezione di farmaci (endorfine e chetamine simili.
Questa disgiunzione spegne lo stress creato dalla violenza e porta all’anestesia psichica e fisica, uno stato dissociativo (coscienza compromissione, depersonalizzazione), disturbi della memoria (memoria emotiva traumatica).
Questa “memoria traumatica” non può essere controllata. Risulta dal blocco della comunicazione tra il cervello emotivo iperattivo e il lobo prefrontale, che è il centro decisionale cosciente. Questa memoria non è stata integrata nel “disco rigido” del cervello. È intrappolato nell’amigdala. È il sintomo principale del disturbo da stress post-traumatico.
www.memoiretraumatique.org

È difficile per le vittime parlare di questa violenza
In diverse situazioni, le vittime non sono consapevoli che i loro sintomi sono legati alla violenza che hanno subito. Inoltre, per il professionista, il modo migliore per rilevare la violenza domestica è interrogare sistematicamente tutti i pazienti sull’esperienza della violenza. Le vittime possono ottenere un certificato medico relativo a questo disturbo da stress post-traumatico. Possono allegarlo a un reclamo.
Prodotto nel 2013 su iniziativa del MIPROF (Missione interministeriale per la protezione delle donne contro la violenza e la lotta alla tratta di esseri umani), il cortometraggio Anna è destinato a professionisti del la salute, della durata complessiva di 15 minuti, è suddivisa in 3 parti che illustrano in successione:
i meccanismi di violenza,
identificazione,
cura delle donne vittime di violenza.
www.stop-violences-femmes.gouv.fr

VEDERE LA SCHEDA DELLE RISORSE TEMATICHE SULLA SALUTE

Effetti sulla vita professionale
La violenza domestica può avere ripercussioni significative sulla vita professionale delle vittime. In effetti, potenziali lesioni, denigrazione, isolamento, controllo dell’attività economica e dei movimenti da parte del coniuge, perdita di fiducia in se stessi possono disturbare o addirittura rendere difficile l’accesso o il mantenimento del lavoro o Formazione.
Il comportamento del coniuge può minacciare la prosecuzione dell’attività professionale della vittima:
molestie sul posto di lavoro chiamandolo costantemente al telefono o aspettandolo all’uscita facendo scene davanti ai colleghi o da denigrando, aggredendo il suo veicolo, la donna può essere privata dell’accesso al suo stipendio, ecc …
Il ricorso al medico del lavoro dovrebbe consentire alla vittima di trovare aiuto e guida. Il datore di lavoro può anche testimoniare le conseguenze della violenza subita dal dipendente nel suo ambiente professionale. Allo stesso modo, è possibile per una donna che lavora e che deve allontanarsi dal coniuge per violenza, dimettersi e ricevere indennità di disoccupazione (il cambio di residenza è giustificato da una situazione in cui il lavoratore è vittima di violenza domestica e per il quale si giustifica di aver presentato denuncia al pubblico ministero). (JORF N ° 0138 DEL 16/06/2011 pagina 10202, testo 32, decreto del 15/06/2011 che approva gli accordi applicativi numerati da 1 a 24 relativi alla convenzione del 05/05/2011 relativa sussidio di disoccupazione “).

NB: Molta più Violenza nelle coppie Gender emerge da dati ignorati.Vittime invisibili: IPV dello stesso sesso nell’indagine nazionale sulla violenza contro le donne Mostra tutti gli autori Adam M. MessingerFirst Pubblicato il 9 settembre 2010 Other Find in PubMed 
https://doi.org/10.1177/0886260510383023

 Astratto Con la violenza del partner intimo (IPV) tra le coppie dello stesso sesso ampiamente ignorata dai responsabili politici e dai ricercatori, stimare accuratamente la dimensione del problema è importante per determinare se questa risposta minima è giustificata. In quanto tale, il presente studio è un’analisi dei dati secondari del National Violence Against Women Survey e rappresenta la prima analisi di regressione a variabili multiple della prevalenza di IPV dello stesso sesso negli adulti statunitensi utilizzando un campione rappresentativo a livello nazionale (N = 14,182). Le regressioni logistiche indicano che, indipendentemente dal sesso, gli intervistati con una storia di relazioni omosessuali hanno maggiori probabilità di sperimentare IPV verbale, di controllo, fisico e sessuale. Gli intervistati comportamentali “bisessuali” sperimentano i tassi di IPV più alti e hanno maggiori probabilità di essere vittime di un partner di sesso opposto. Vengono discusse le implicazioni per la futura ricerca sull’IPV riguardo all’orientamento sessuale e al genere.

__

《 DENUNCIA ONLINE BOICOTTATA DALLA POLIZIA DI STATO – ITALIA ALATA  
02/08/2020 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/08/02/denuncia-online-boicottata-dalla-polizia-di-stato/ 》 
__ 
DENUNCE PRECEDENTI
《 Mia MADRE SANTA MARIA SOTTO SEQUESTRO; Lettere Private di PERSECUZIONE E TENTATO OMICIDIO rese PUBBICHE. – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/08/01/mia-madre-santa-maria-sotto-sequestro-lettere-private-di-persecuzione-e-tentato-omicidio-rese-pubbiche/ 》 
 __

《 VIOLENZA DOMESTICA DENUNCIA AI CARABINIERI e COSÌ VIA; 01/08/2020 – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/08/01/violenza-domestica-denuncia-ai-carabinieri-e-cosi-via-01-07-2020/ 》 
__ 
《 Andrea Salvatore Buffa per il Sig. Giuseppe Bucalo – revoca di TSO; del 17/02/2015 – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/08/02/andrea-salvatore-buffa-per-il-sig-giuseppe-bucalo-revoca-di-tso-del-17-02-2015/ 》  __

《 CRIMINI CONTRO L’UMANITÀ, ART. #n7 STATUTO DI ROMA E IL #CODICE_PENALE sulle PENE. – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/07/23/crimini-contro-lumanita-art-n7-statuto-di-roma-e-il-codice_penale-sulle-pene/ 》 

__ 
《 Lettera breve al Sfratello OMICIDA #ciccio_buffa; 1 Giovanni 3:17 Ma se qualcuno possiede dei beni di questo mondo e vede suo fratello nel bisogno e non ha pietà di lui, come potrebbe l’amore di Dio essere in lui. – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/07/22/lettera-breve-al-sfratello-omicida-ciccio_buffa-1-giovanni-317-ma-se-qualcuno-possiede-dei-beni-di-questo-mondo-e-vede-suo-fratello-nel-bisogno-e-non-ha-pieta-di-lui-come-potrebbe-lamore-di-dio/ 》 

__ 
《 2 Samuele 22:6 I legami del soggiorno dei morti mi avevano attorniato, i lacci della morte mi avevano sorpreso. – ITALIA ALATA  
https://italiaalata.wordpress.com/2020/07/21/2-samuele-226-i-legami-del-soggiorno-dei-morti-mi-avevano-attorniato-i-lacci-della-morte-mi-avevano-sorpreso/ 》   __
《 DEBITO ODIOSO, DETESTABILE, LOCKDOWN TECNICO, SIGNORAGGIO – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/11/23/debito-odioso-detestabile-lockdown-tecnico-signoraggio/ 》
__
《 Gesù, anche un ex politico della Sicilia, 13 anni di piena occupazione sul web, rifugiato in Francia ormai da 5 anni. – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/11/22/gesu-anche-un-ex-politico-della-sicilia-13-anni-di-piena-occupazione-sul-web-rifugiato-in-francia-ormai-da-5-anni/ 》
__
《 La Parola Santa di DIO, nuovi Giudici. 12/11/2020. – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/11/12/la-parola-santa-di-dio-nuovi-giudici-12-11-2020/ 》

__
《 Le DENUNCE DI GESÙ CRISTO in persona che da Sofonia 1:10 il 2 Marzo è il vero Santo Natale, ho un blog e sono PERSEGUITATO E SCAMPATO DALL’ATTENTATO DI NICE in France – ITALIA ALATA 
https://italiaalata.wordpress.com/2020/09/27/le-denunce-di-gesu-cristo-in-persona-che-da-sofonia-110-il-2-marzo-e-il-vero-santo-natale-ho-un-blog-ed-ho-inserito-un-vostro-articolo-tradotto-in-italiano-sono-perseguitato-e-dopo-lattentato-di/ 》 

__
La mia email: buffa.andrea.salvatore@gmail.com

_

Categorie Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close