Corruzione Atti giudiziari, il funzionario è naturalmente il MAGISTRATO Nel ricordare la CESSIONE DEL TESORO DI STATO, QUINDI DEI CITTADINI E LA DENUNCIA DEL PROF. #GIACINTO_AURITI

Corruzione Atti giudiziari, il funzionario è naturalmente il MAGISTRATO  
Nel ricordare la CESSIONE DEL TESORO DI STATO, QUINDI DEI CITTADINI E LA DENUNCIA DEL PROF. #GIACINTO_AURITI

anno1981

Nel link foto INEDITA ED INEQUIVOCABILE DEL CAPITANO PIÙ GAY DI ITALIA 

IL SI SA CHE SERVIZI SEGRETI 

SALVINI 

https://photos.app.goo.gl/QJUipxXfW4uUVxMP8

__ 

C’erano agenti segreti francesi, coperti dalla Cia e aiutati dalla mafia, dietro la fine di Enrico Mattei? 

__ 

《 Curriculum di #GESÙ prima della PERSECUZIONE – ITALIA ALATA

https://italiaalata.wordpress.com/2020/03/17/curriculum-di-gesu-prima-della-persecuzione/ 》 

Corruzione in atti giudiziari, sequestrati beni a magistrato arrestato

CRONACA, NEWSgiovedì, 7, maggio, 2020

Art. 319.

Corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio.

Il pubblico ufficiale, che, per omettere o ritardare o per aver omesso o ritardato un atto del suo ufficio, ovvero per compiere o per aver compiuto un atto contrario ai doveri di ufficio, riceve, per sé o per un terzo, denaro od altra utilità, o ne accetta la promessa, è punito con la reclusione da sei a dieci anni. (1),(1) Comma così modificato dall’art. 1, comma 75, lett. g), L. 6 novembre 2012, n. 190 e, successivamente, dall’art. 1, comma 1, lett. f), L. 27 maggio 2015, n. 69.,___,Cfr. Cassazione Penale, sez. VI, sentenza 28 agosto 2008, n. 34415

__

《 Legge marziale = acab, i militari assoldati contro i cittadini, Invece in NoMe di DIO E LA BIBBIA CUSTODE DI CONOSCENZA E IN CRISTO DUNQUE si risolve così: – ITALIA ALATA 

https://italiaalata.wordpress.com/2020/04/28/legge-marziale-acab-i-militari-assoldati-contro-i-cittadini-invece-in-_nome-di-dio-e-la-bibbia-custode-di-conoscenza-e-in-cristo-dunque-si-risolve-cosi/ 》 

__

Art. 319-bis.

Circostanze aggravanti.

La pena è aumentata se il fatto di cui all’art. 319 ha per oggetto il conferimento di pubblici impieghi o stipendi o pensioni o la stipulazione di contratti nei quali sia interessata l’amministrazione alla quale il pubblico ufficiale appartiene nonché il pagamento o il rimborso di tributi (1).,(1) Articolo così modificato dal comma 7 dell’art. 29, D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla L. 30 luglio 2010, n. 122.

Art. 319-ter.

Corruzione in atti giudiziari.

Se i fatti indicati negli articoli 318 e 319 sono commessi per favorire o danneggiare una parte in un processo civile, penale o amministrativo, si applica la pena della reclusione da sei a dodici anni. (1),Se dal fatto deriva l’ingiusta condanna di taluno alla reclusione non superiore a cinque anni, la pena è della reclusione da sei a quattordici anni; se deriva l’ingiusta condanna alla reclusione superiore a cinque anni o all’ergastolo, la pena è della reclusione da otto a venti anni. (2),(1) Comma così modificato dall’art. 1, comma 75, lett. h), n. 1), L. 6 novembre 2012, n. 190 e, successivamente, dall’art. 1, comma 1, lett. g), n. 1, L. 27 maggio 2015, n. 69.,(2) Comma così modificato dall’art. 1, comma 75, lett. h), n. 2), L. 6 novembre 2012, n. 190 e, successivamente, dall’art. 1, comma 1, lett. g), n. 2, L. 27 maggio 2015, n. 69.

__

《 Chi è PIÙ TOSSICO DI UN OMOSESSUALE? — “Caratteristiche tecniche del SALVINI = mafia lbgt” – ITALIA ALATA 

https://italiaalata.wordpress.com/2020/05/07/chi-e-piu-tossico-di-un-omosessuale-caratteristiche-tecniche-del-salvini-mafia-lbgt/ 》 

__

Art. 319-quater.

Induzione indebita a dare o promettere utilità. (1)

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità è punito con la reclusione da sei anni a dieci anni e sei mesi. (2),Nei casi previsti dal primo comma, chi dà o promette denaro o altra utilità è punito con la reclusione fino a tre anni.,(1) Articolo aggiunto dall’art. 1, L. 6 novembre 2012, n. 190.,(2) Comma così modificato dall’art. 1, comma 75, lett. g), L. 6 novembre 2012, n. 190 e, successivamente, dall’art. 1, comma 1, lett. f), L. 27 maggio 2015, n. 69.,___,Minaccia di esercitare attività legittime integra reato di induzione indebita, Cass. Penale, sez. VI, sentenza 21 marzo 2013, n. 13047. 

__ 

La mia E NOSTRA PERSECUZIONE HA UN PREZZO  

Da #COSTITUZIONE_CRISTIANA il Lavoro Compiuto dagli INTERNAUTI SE PER LA SOLA RICERCA DI VERITÀ AVRANNO UN COMPENSO IN MONETA D’ORO 

IL_PATRIMONIO stabilisce invece i DEPISTATORI DI PROFESSIONE MENZOGNA 

costoro RISARCIRANNO E SONO STATI ACCUSATI DI #ALTO_TRADIMENTO 

Il mio personale caso con 4 TSO EFFETTUATI ed al quinto miracolosamente SCAMPATO 

Dove i firmatari gay e Dal il PATRIMONIO si saprà il costo di COTALE DEPRAVAZIONE SATANICA 

INFATTI SONO ATTIVAMENTE PRESENTE IN RETE DA UN DECENNIO ALMENO E I MIEI 3 PROFILI CANCELLATI RACCHIUDONO OLTRA ALLE INNUMEREVOLI DENUNCE ANCHE LE PROVE DI CONGRUITÀ E SIMPATIA CHE CARATTERIZZANO IL MIO LAVORO DI VERITÀ IN CONDIVISIONE SOCIALE 

__ 

《 “Vi DICHIARO: TUTTI INDAGATI!” Ci RISArciRete! Codice_Penale 243, 52, 54, 241, 4, 5, 6, 11, 12, 50, 51, 31, 32, 35-bis 61, 240, 242, – ITALIA ALATA 

https://italiaalata.wordpress.com/2020/05/08/vi-dichiaro-tutti-indagati-ci-risarcirete-codice_penale-243-52-54-241-4-5-6-11-12-50-51-31-32-35-bis-61-240-242/ 》 

__

Lettera aperta alla deputata Sara Cunial e invito pubblico all’intera società civile del Paese.

Salve Sara,

spero che oramai il messaggio ti sia già arrivato: io lo sto ripetendo e diffondendo da molte ore: credo occorra urgentemente porre una interrogazione parlamentare al Governo sull’utilizzo del TSO contro la dissidenza politica.

04/05/2020

__

Art. 145.

Remunerazione ai condannati per il lavoro prestato. 

Negli stabilimenti penitenziari, ai condannati è corrisposta una remunerazione per il lavoro prestato.,Sulla remunerazione, salvo che l’adempimento delle obbligazioni sia altrimenti eseguito, sono prelevate nel seguente ordine:,1) le somme dovute a titolo di risarcimento del danno;,2) le spese che lo Stato sostiene per il mantenimento del condannato;,3) le somme dovute a titolo di rimborso delle spese del procedimento.,In ogni caso deve essere riservata a favore del condannato una quota pari a un terzo della remunerazione, a titolo di peculio. Tale quota non è soggetta a pignoramento o a sequestro.

__

Art. 135.

Ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive.

Quando, per qualsiasi effetto giuridico, si deve eseguire un ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive, il computo ha luogo calcolando euro 250, o frazione di euro 250 (1), di pena pecuniaria per un giorno di pena detentiva.,(1) Le parole: “calcolando euro 38, o frazione di euro 38” sono state così sostituite dall’art. 32, comma 62, della L. 15 luglio 2009, n. 94.

__ 

Art. 136.

Modalità di conversione di pene pecuniarie.

Le pene della multa e dell’ammenda, non eseguite per insolvibilità del condannato, si convertono a norma di legge.

__ 

Art. 139.

Computo delle pene accessorie.

Nel computo delle pene accessorie temporanee non si tiene conto del tempo in cui il condannato sconta la pena detentiva, o è sottoposta a misura di sicurezza detentiva, né del tempo in cui egli si è sottratto volontariamente alla esecuzione della pena o della misura di sicurezza.

__ 

Art. 143.

Ripartizione dei condannati negli stabilimenti penitenziari. (1)

In ogni stabilimento penitenziario, ordinario o speciale, si tien conto, nella ripartizione dei condannati, della recidiva e dell’indole del reato].,(1) Articolo abrogato dall’art. 89, Legge n. 354/1975.

__ 

CHI violava la vigilanza se non il Chi di COMPETENZA? 

e20 #FINANZA 

TSO #CESSIONE_TESORO #anno1981 

Art. 144.

Vigilanza sull’esecuzione delle pene. (1)

L’esecuzione delle pene detentive è vigilata dal giudice.,Egli delibera circa l’ammissione al lavoro all’aperto e dà parere sull’ammissione alla liberazione condizionale],(1) Articolo abrogato dall’art. 89, Legge n. 354/1975.

__ 

Art. 163.

Sospensione condizionale della pena.

Nel pronunciare sentenza di condanna alla reclusione o all’arresto per un tempo non superiore a due anni, ovvero a pena pecuniaria che, sola o congiunta alla pena detentiva e ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia equivalente ad una pena privativa della libertà personale per un tempo non superiore, nel complesso, a due anni, il giudice può ordinare che l’esecuzione della pena rimanga sospesa per il termine di cinque anni se la condanna è per delitto e di due anni se la condanna è per contravvenzione. In caso di sentenza di condanna a pena pecuniaria congiunta a pena detentiva non superiore a due anni, quando la pena nel complesso, ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia superiore a due anni, il giudice può ordinare che l’esecuzione della pena detentiva rimanga sospesa. (1),Se il reato è stato commesso da un minore degli anni diciotto, la sospensione può essere ordinata quando si infligga una pena restrittiva della libertà personale non superiore a tre anni, ovvero una pena pecuniaria che, sola o congiunta alla pena detentiva e ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia equivalente ad una pena privativa della libertà personale per un tempo non superiore, nel complesso, a tre anni. In caso di sentenza di condanna a pena pecuniaria congiunta a pena detentiva non superiore a tre anni, quando la pena nel complesso, ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia superiore a tre anni, il giudice può ordinare che l’esecuzione della pena detentiva rimanga sospesa. (2),Se il reato è stato commesso da persona di età superiore agli anni diciotto ma inferiore agli anni ventuno o da chi ha compiuto gli anni settanta, la sospensione può essere ordinata quando si infligga una pena restrittiva della libertà personale non superiore a due anni e sei mesi ovvero una pena pecuniaria che, sola o congiunta alla pena detentiva e ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia equivalente ad una pena privativa della libertà personale per un tempo non superiore, nel complesso, a due anni e sei mesi. In caso di sentenza di condanna a pena pecuniaria congiunta a pena detentiva non superiore a due anni e sei mesi, quando la pena nel complesso, ragguagliata a norma dell’articolo 135, sia superiore a due anni e sei mesi, il giudice può ordinare che l’esecuzione della pena detentiva rimanga sospesa. (3),Qualora la pena inflitta non sia superiore ad un anno e sia stato riparato interamente il danno, prima che sia stata pronunciata la sentenza di primo grado, mediante il risarcimento di esso e, quando sia possibile, mediante le restituzioni, nonché qualora il colpevole, entro lo stesso termine e fuori del caso previsto nel quarto comma dell’articolo 56, si sia adoperato spontaneamente ed efficacemente per elidere o attenuare le conseguenze dannose o pericolose del reato da lui eliminabili, il giudice può ordinare che l’esecuzione della pena, determinata nel caso di pena pecuniaria ragguagliandola a norma dell’articolo 135, rimanga sospesa per il termine di un anno. (4),(1) L’ultimo periodo di questo comma è stato aggiunto dall’art. 1, comma 1, lett. a), della L. 11 giugno 2004, n. 145,(2) L’ultimo periodo di questo comma è stato aggiunto dall’art. 1, comma 1, lett. b), della L. 11 giugno 2004, n. 145,(3) L’ultimo periodo di questo comma è stato aggiunto dall’art. 1, comma 1, lett. c), della L. 11 giugno 2004, n. 145,(4) Questo comma è stato aggiunto dall’art. 1, comma 1, lett. d), della L. 11 giugno 2004, n. 145,___,Cfr. Cassazione penale, sez. VII, sentenza 26 luglio 2007, n. 30408 e Cassazione penale, sez. I, sentenza 17 settembre 2009, n. 36071

__

《 #coviD19 è un Virus MILITARE creato in Laboratorio – Italia Alata 

Italia Alata qui Articoli del Blog di Gesù https://wordpress.com/posts/italiaalata.wordpress.com

Link foto DENUNCIE COMUNI
https://photos.app.goo.gl/9WnUxjNgAQSWXKu19

《 Il colpevole, che è della POLIZIA, torna sempre sul luogo del delitto, E in ogni ATTENTATO! Poi in veste di politica fa lo stesso e in più Si SMENTISCE SEMPRE COME DA TESTIMONE PER CIECHI E SORDI. – ITALIA ALATA 

https://italiaalata.wordpress.com/2020/05/10/il-colpevole-che-e-della-polizia-torna-sempre-sul-luogo-del-delitto-e-in-ogni-attentato-poi-in-veste-di-politica-fa-lo-stesso-e-in-piu-si-smentisce-sempre-come-da-testimone-per-ciechi-e-sordi/ 》 

Categorie Senza categoria

18 pensieri riguardo “Corruzione Atti giudiziari, il funzionario è naturalmente il MAGISTRATO Nel ricordare la CESSIONE DEL TESORO DI STATO, QUINDI DEI CITTADINI E LA DENUNCIA DEL PROF. #GIACINTO_AURITI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close