DENUNCIA_QUERELA A FACEBOOK E IL LORO STANDARD DI COMUNITÀ MAFIOSA e meschina, Da #EX_ORGANIZER_M5S quale elemento politico che fa  LA DIFFERENZA Salmi 11; Salmi 55; Salmi 110 מַלְכִּי־צֶדֶק.; Salmi 133; 

Da #EX_ORGANIZER_M5S quale elemento politico che fa
LA DIFFERENZA Salmi 11; Salmi 55; Salmi 110 מַלְכִּי־צֶדֶק.; Salmi 133;
#DENUNCIA_QUERELA A FACEBOOK E IL LORO STANDARD DI COMUNITÀ MAFIOSA e meschina:
Per:
Abuso di POTERE, COERCIZIONE, Stoking, MOBBING, PERSECUZIONI, boicottaggio, CENSURA ANTICRISTO preterintenzionale e continuativa. Sparizione di ACCOUNT e di pagine A tematiche VITALI
#ITALIA_ALATA_note
#ITALIA_ALATA_Facebook:
In pratica in 365 giorni per 12 anni
= DI TUTTO
SE AVESSI USATO UN PROFILO OGNI 30 GIORNI DI BLOCCHI 2 DI INFO
#ITALIA_ALATA_cia
#ITALIA_ALATA_elezioni
#ITALIA_ALATA_PORTFOLIO
#ITALIA_ALATA_TSO
INOLTRE DA ANNI SENZA DIMORA NE SOSTEGNO ALCUNO DAI FRANCESI COME DAI PAESANI
Se esistesse la democrazia questo è una netta conferma di ATTACCHI GIORNALIERI.
Fui prelevato da casa un luogo molto isolato sulla costa
Per tanto la piccola modesta abitazione acquisita col SUDORE DELLA Nonna materna cioè SANTA MARIA
è un fortino con barre CHE VENNERO TAGLIATE DI BUON MATTINO per ESSERE estradato FORZATAMENTE PRELEVATO ILLEGALMENTE DAL LETTO da un Esercito CIRCA 101.
In un #mob program ABUSIVO E MOSTRUOSO
#ITALIA_ALATA_PSICHIATRIA
Salem #sAman salami
#mario_sammartano FUNZIONARIO Pompe funebri #csMnote

#GIACALONE_VENDOLA
OMOFOBI E GAY NATURALMENTE ANTICRISTO
CHIEDO LUCE E VERITÀ DA ANNI SUBENDO TACITAMENTE PUBBLICANDO TUTTI I GIORNI
MALGRADO IL PERICOLO COSTANTEMENTE COSTANTE.
#CODICE_PENALE
Articolo n.41
Concorso di cause.
Articolo n.58 bis
Procedibilità per i reati commessi col mezzo della stampa .
Si propone una CAUSA COMUNE
CON ALLETTANTI PREMI IN SEGUITO ALLA VITTORIA E SICCHÉ ALLA GUIDA NELLA STANZA DEI BOTTONI
I PIÙ SOFFERENTI IN SENSO DI COERCIZIONE PER COERENZA IN VERITÀ CHE HANNO SUBITO I BLOCCHI,
UNA GRADUATORIA IN BASE A PUBBLICAZIONI E A NUMERO DI ACCOUNT PER PROSEGUIRE MALGRADO COTANTA ITERAZIONE CONTRARIA CON AUSILIO DI TROLL E DI PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA NETWORK SOCIALE
ITALIA_ALATA_ACAB
ITALIA_ALATA_VATICANO E CIA
ITALIA_ALATA_NOTE
I Rosthschild, i Rockfeller, la Corona Inglese, le banche private che stampano moneta e ce la prestano, SONO I NOSTRI PROBLEMI.
1656011171/posts/10216558040377587/
#ITALIA_ALATA_acab #F_ARMA_CIA
#ITALIA_ALATA_TSO
#ITALIA_ALATA_gender
#ITALIA_ALATA_PEDOFILIA
Lista dei super miliardari PEDOFILI da Obama in America a Putin in Mosca cieca passando per un salvini che sia
#PedofiliaNote MALATTIA SERIA MOLTO SERIA
*
#ITALIA_ALATA_GAY
Il gay è ancora quella cosa che gode della miseria altrui e non scorge la sua nefandezza
Per un favore per chi ha vesti in carica chiede il culo sempre mai il cuore.
Dei topi imbarazzanti che non hanno misure umane gli somiglia infatti L’ISLAM PEDOFILIA.
Il concorso dell’arrivismo dei deprecabili fino in fondo al baratros dei bari in barba alle LIBERTÀ VERE
Tra tta de i rat e topastri per ToPazi
The hot doG #Gb #G8, Il put in Balcani coi triS, i mosconi nelle piscine e il lunatico psicopatico #sammartano_mario psichiatra che la dice lunga sul satanismo e omicidi colposi d’ufficio #saMaN in MarSala
Poi pedofili e #giacalone_vendoLa cospirazione di Lo”n”tre #casadicuraMoRana.#Atto: COLPOSO VOLONTARIO COATTO [ vedi atti di G 8B in Joey Conto #Paris n Da vinci e cat di felino che gratta in lotteria ]
Ecclesiaste 2:1-4; Proverbi 4:4;
*

#fbi #acAb #MeDI a C ° #FacebookNoteQuei massoni mafiosi che sussurrano ai potenti

http://m.espresso.repubblica.it/attualita/2017/12/22/news/quei-mafiosi-massoni-che-sussurrano-ai-potenti-1.316354*https://www.open.online/2019/07/02/caos-procure-difesa-palamara-nomine-commessi-errori-parte-sistema/https://ilfastidioso.myblog.it/2019/07/06/una-strage-di-cui-nessuno-parla-venezuela-40-000-morti-sotto-le-sanzioni-usa-in-un-solo-anno-i-cittadini-in-media-hanno-perso-11-chili-di-peso-a-testa-ma-i-media-di-tutto-il-mondo-italia-compres/*Melchizedek(http://en.wiktionary.org/wiki/Melchizedek)
EtymologyFrom Hebrew מַלְכִּי־צֶדֶק.Pronunciation
– (British, America) IPA: /melˈkɪzədek/
Proper noun
1. A king and priest mentioned in the book of Genesis; contemporary of Abraham.Translations (king and priest)
– French: Melchisédek
– Portuguese: Melquisedeque
– Russian: Мелхи́седек
– Spanish: Melquisedec, MelchîsedecNounMelchizedek (plural Melchizedeks)1. A very large champagne bottle (named after the King) with the capacity of about 30 liters, equivalent to 40 standard bottles.*#ITALIA_ALATA_note #GAFAnoteArticolo n.58 bisProcedibilità per i reati commessi col mezzo della stampa .1. Se il reato commesso col mezzo della stampa è punibile a querela , istanza , o richiesta , anche
per la punibilità dei reati preveduti dai tre articoli precedenti è necessaria querela, istanza o
richiesta.
2. La querela, la istanza o la richiesta presentata contro il direttore o vice-direttore responsabile,
l’editore o lo stampatore, ha effetto anche nei confronti dell’autore della pubblicazione per il reato da
questo commesso .
3. Non si può procedere per i reati preveduti nei tre articoli precedenti se è necessaria una
autorizzazione di procedimento per il reato commesso dall’autore della pubblicazione, fino a quando
l’autorizzazione non è concessa. Questa disposizione non si applica se l’autorizzazione è stabilita per
le qualità o condizioni personali dell’autore della pubblicazione.Articolo n.62 bis
Circostanze attenuanti generiche .
1. Il giudice, indipendentemente dalle circostanze previste nell’articolo 62, può prendere in
considerazione altre circostanze diverse, qualora le ritenga tali da giustificare una diminuzione della

pena. Esse sono considerate in ogni caso, ai fini dell’applicazione di questo capo, come una sola
circostanza, la quale può anche concorrere con una o più delle circostanze indicate nel predetto
articolo 62.
2. Ai fini dell’applicazione del primo comma non si tiene conto dei criteri di cui all’articolo 133,
primo comma, numero 3), e secondo comma, nei casi previsti dall’articolo 99, quarto comma, in
relazione ai delitti previsti dall’articolo 407, comma 2, lettera a), del codice di procedura penale, nel
caso in cui siano puniti con la pena della reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni .
3. In ogni caso, l’assenza di precedenti condanne per altri reati a carico del condannato non può
essere, per ciò solo, posta a fondamento della concessione delle circostanze di cui al primo comma .

Articolo n.46Costringimento fisico.
1. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato da altri costretto, mediante violenza
fisica alla quale non poteva resistere o comunque sottrarsi.
2. In tal caso, del fatto commesso dalla persona costretta risponde l’autore della violenza .#ITALIA_ALATA_note
#ITALIA_ALATA_Facebook
#ITALIA_ALATA_cia
#ITALIA_ALATA_acab #F_ARMA_CIA
#ITALIA_ALATA_TSO #EX_ORGANIZER_M5S #DENUNCIA_QUERELA A FACEBOOK E IL LORO STANDARD DI COMUNITÀ MAFIOSAStoking, MOBBING, PERSECUZIONI, boicottaggio, CENSURA ANTICRISTO.. .Articolo n.41Concorso di cause.
1. Il concorso di cause preesistenti o simultanee o sopravvenute, anche se indipendenti dall’azione
od omissione del colpevole, non esclude il rapporto di causalità fra l’azione od omissione e
l’evento .
2. Le cause sopravvenute escludono il rapporto di causalità quando sono state da sole sufficienti a
determinare l’evento. In tal caso, se l’azione od omissione precedentemente commessa costituisce
per sé un reato, si applica la pena per questo stabilita.
3. Le disposizioni precedenti si applicano anche quando la causa preesistente o simultanea o
sopravvenuta consiste nel fatto illecito altrui.Articolo n.42
Responsabilità per dolo o per colpa o per delitto preterintenzionale. Responsabilità obiettiva.
1. Nessuno può essere punito per un’azione od omissione preveduta dalla legge come reato, se non
l’ha commessa con coscienza e volontà.
2. Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come delitto, se non l’ha commesso
con dolo, salvi i casi di delitto preterintenzionale o colposo espressamente preveduti dalla legge .
3. La legge determina i casi nei quali l’evento è posto altrimenti a carico dell’agente, come
conseguenza della sua azione od omissione.
4. Nelle contravvenzioni ciascuno risponde della propria azione od omissione cosciente e
volontaria, sia essa dolosa o colposa .Articolo n.43
Elemento psicologico del reato.
1. Il delitto:è doloso, o secondo l’intenzione, quando l’evento dannoso o pericoloso, che è il risultato
dell’azione od omissione e da cui la legge fa dipendere l’esistenza del delitto, è dall’agente preveduto
e voluto come conseguenza della propria azione od omissione;
è preterintenzionale, o oltre l’intenzione, quando dall’azione od omissione deriva un evento dannoso
o pericoloso più grave di quello voluto dall’agente;
è colposo, o contro l’intenzione, quando l’evento, anche se preveduto , non è voluto dall’agente e si
verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi,
regolamenti, ordini o discipline.
2. La distinzione tra reato doloso e reato colposo, stabilita da questo articolo per i delitti, si applica
altresì alle contravvenzioni, ogni qualvolta per queste la legge penale faccia dipendere da tale
distinzione un qualsiasi effetto giuridico.Articolo n.44
Condizione obiettiva di punibilità.
1. Quando, per la punibilità del reato, la legge richiede il verificarsi di una condizione , il colpevole
risponde del reato, anche se l’evento, da cui dipende il verificarsi della condizione, non è da lui

voluto.
Articolo n.55
Eccesso colposo.
1. Quando, nel commettere alcuno dei fatti preveduti dagli articoli 51, 52, 53 e 54, si eccedono
colposamente i limiti stabiliti dalla legge o dall’ordine dell’Autorità ovvero imposti dalla necessità,
si applicano le disposizioni concernenti i delitti colposi, se il fatto è preveduto dalla legge come
delitto colposo .

Articolo n.45
Caso fortuito o forza maggiore.
1. Non è punibile chi ha commesso il fatto per caso fortuito o per forza maggiore.Articolo n.47
Errore di fatto.
1. L’errore sul fatto che costituisce il reato esclude la punibilità dell’agente. Nondimeno, se si tratta
di errore determinato da colpa, la punibilità non è esclusa, quando il fatto è preveduto dalla legge
come delitto colposo .
2. L’errore sul fatto che costituisce un determinato reato non esclude la punibilità per un reato
diverso.
3. L’errore su una legge diversa dalla legge penale esclude la punibilità, quando ha cagionato un
errore sul fatto che costituisce il reato .Articolo n.48
Errore determinato dall’altrui inganno.
1. Le disposizioni dell’articolo precedente si applicano anche se l’errore sul fatto che costituisce il
reato è determinato dall’altrui inganno; ma, in tal caso, del fatto commesso dalla persona ingannata
risponde chi l’ha determinata a commetterlo .
Articolo n.49
Reato supposto erroneamente e reato impossibile.
1. Non è punibile chi commette un fatto non costituente reato, nella supposizione erronea che esso
costituisca reato.
2. La punibilità è altresì esclusa quando, per la inidoneità dell’azione o per la inesistenza
dell’oggetto di essa, è impossibile l’evento dannoso o pericoloso .
3. Nei casi preveduti dalle disposizioni precedenti, se concorrono nel fatto gli elementi costitutivi di
un reato diverso, si applica la pena stabilita per il reato effettivamente commesso.
4. Nel caso indicato nel primo capoverso, il giudice può ordinare che l’imputato prosciolto sia sottoposto a misura di sicurezza .Articolo n.50
Consenso dell’avente diritto .
1. Non è punibile chi lede o pone in pericolo un diritto, col consenso della persona che può
validamente disporne .
Articolo n.51
Esercizio di un diritto o adempimento di un dovere .
1. L’esercizio di un diritto o l’adempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un
ordine legittimo della pubblica Autorità, esclude la punibilità .
2. Se un fatto costituente reato è commesso per ordine dell’Autorità, del reato risponde sempre il
pubblico ufficiale che ha dato l’ordine .
3. Risponde del reato altresì chi ha eseguito l’ordine, salvo che, per errore di fatto , abbia ritenuto di
obbedire a un ordine legittimo.
4. Non è punibile chi esegue l’ordine illegittimo, quando la legge non gli consente alcun sindacato
sulla legittimità dell’ordine.
Articolo n.52
Difesa legittima.
1. Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un
diritto proprio od altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia
proporzionata all’offesa .
2. Nei casi previsti dall’articolo 614, primo e secondo comma, sussiste il rapporto di proporzione di
cui al primo comma del presente articolo se taluno legittimamente presente in uno dei luoghi ivi
indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere:
a) la propria o la altrui incolumità;
b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione .
3. La disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto
all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o
imprenditoriale .Articolo n.53
Uso legittimo delle armi.
1. Ferme le disposizioni contenute nei due articoli precedenti, non è punibile il pubblico ufficiale
che, al fine di adempiere un dovere del proprio ufficio, fa uso ovvero ordina di far uso delle armi o
di un altro mezzo di coazione fisica, quando vi è costretto dalla necessità di respingere una violenza
o di vincere una resistenza all’Autorità e comunque di impedire la consumazione dei delitti di
strage, di naufragio, sommersione, disastro aviatorio, disastro ferroviario, omicidio volontario,
rapina a mano armata e sequestro di persona .2. La stessa disposizione si applica a qualsiasi persona che, legalmente richiesta dal pubblicoufficiale, gli presti assistenza.
3. La legge determina gli altri casi, nei quali è autorizzato l’uso delle armi o di un altro mezzo di
coazione fisica .
Articolo n.54
Stato di necessità.
1. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od
altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente
causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.
2. Questa disposizione non si applica a chi ha un particolare dovere giuridico di esporsi al pericolo.
3. La disposizione della prima parte di questo articolo si applica anche se lo stato di necessità è
determinato dall’altrui minaccia ; ma, in tal caso, del fatto commesso dalla persona minacciata
risponde chi l’ha costretta a commetterlo .Articolo n.56
Delitto tentato.
1. Chi compie atti idonei, diretti in modo non equivoco a commettere un delitto, risponde di delitto
tentato , se l’azione non si compie o l’evento non si verifica .
2. Il colpevole del delitto tentato è punito: con la reclusione non inferiore a dodici anni, se la pena
stabilita è l’ergastolo; e, negli altri casi, con la pena stabilita per il delitto, diminuita da un terzo a
due terzi.
3. Se il colpevole volontariamente desiste dall’azione, soggiace soltanto alla pena per gli atti
compiuti, qualora questi costituiscano per sé un reato diverso.
4. Se volontariamente impedisce l’evento, soggiace alla pena stabilita per il delitto tentato, diminuita
da un terzo alla metà .Articolo n.57
Reati commessi col mezzo della stampa periodica .
1. Salva la responsabilità dell’autore della pubblicazione e fuori dei casi di concorso , il direttore o il
vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il
controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati , è punito,
a titolo di colpa , se un reato è commesso, con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura

non eccedente un terzo .
Articolo n.57, Articolo n.57 bis,
Reati commessi col mezzo della stampa
Articolo n.57 bis
Reati commessi col mezzo della stampa non periodica .
1. Nel caso di stampa non periodica, le disposizioni di cui al precedente articolo si applicano
all’editore , se l’autore della pubblicazione è ignoto o non imputabile, ovvero allo stampatore , se
l’editore non è indicato o non è imputabile .
Articolo n.58
Stampa clandestina .
1. Le disposizioni dell’articolo precedente si applicano anche se non sono state osservate le
prescrizioni di legge sulla pubblicazione e diffusione della stampa periodica e non periodica .
LIBRO PRIMO
DEI REATI IN GENERALE
TITOLO III
Del reato
CAPO II
Delle circostanze del reato
Articolo n.59
Circostanze non conosciute o erroneamente supposte.
1. Le circostanze che attenuano o escludono la pena sono valutate a favore dell’agente anche se da
lui non conosciute, o da lui per errore ritenute inesistenti .
2. Le circostanze che aggravano la pena sono valutate a carico dell’agente soltanto se da lui
conosciute ovvero ignorate per colpa o ritenute inesistenti per errore determinato da colpa .
3. Se l’agente ritiene per errore che esistano circostanze aggravanti o attenuanti, queste non sono
valutate contro o a favore di lui .
4. Se l’agente ritiene per errore che esistano circostanze di esclusione della pena , queste sono
sempre valutate a favore di lui. Tuttavia, se si tratta di errore determinato da colpa, la punibilità non
è esclusa, quando il fatto è preveduto dalla legge come delitto colposo .
Articolo n.60
Errore sulla persona dell’offeso.
1. Nel caso di errore sulla persona offesa da un reato , non sono poste a carico dell’agente le
circostanze aggravanti, che riguardano le condizioni o qualità della persona offesa, o i rapporti tra
offeso e colpevole .
2. Sono invece valutate a suo favore le circostanze attenuanti, erroneamente supposte, che
concernono le condizioni, le qualità o i rapporti predetti .
3. Le disposizioni di questo articolo non si applicano, se si tratta di circostanze che riguardano l’età
o altre condizioni o qualità, fisiche o psichiche, della persona offesa .
Articolo n.61
Circostanze aggravanti comuni.
1. Aggravano il reato, quando non ne sono elementi costitutivi o circostanze aggravanti speciali , le
circostanze seguenti :
1) l’avere agito per motivi abietti o futili ;
2) l’aver commesso il reato per eseguirne od occultarne un altro , ovvero per conseguire o assicurare
a sé o ad altri il prodotto o il profitto o il prezzo ovvero la impunità di un altro reato ;
3) l’avere, nei delitti colposi , agito nonostante la previsione dell’evento;
4) l’avere adoperato sevizie, o l’aver agito con crudeltà verso le persone ;
5) l’avere profittato di circostanze di tempo, di luogo o di persona, anche in riferimento all’età, tali
da ostacolare la pubblica o privata difesa;
6) l’avere il colpevole commesso il reato durante il tempo, in cui si è sottratto volontariamente alla
esecuzione di un mandato o di un ordine di arresto o di cattura o di carcerazione, spedito per un
precedente reato ;
7) l’avere, nei delitti contro il patrimonio , o che comunque offendono il patrimonio, ovvero nei
delitti determinati da motivi di lucro , cagionato alla persona offesa dal reato un danno patrimoniale
di rilevante gravità;
8) l’avere aggravato o tentato di aggravare le conseguenze del delitto commesso;
9) l’avere commesso il fatto con abuso dei poteri, o con violazione dei doveri inerenti a una
pubblica funzione o a un pubblico servizio, ovvero alla qualità di ministro di un culto;
10) l’avere commesso il fatto contro un pubblico ufficiale o una persona incaricata di un pubblico
servizio , o rivestita della qualità di ministro del culto cattolico o di un culto ammesso nello Stato,
ovvero contro un agente diplomatico o consolare di uno Stato estero, nell’atto o a causa
dell’adempimento delle funzioni o del servizio;
11) l’avere commesso il fatto con abuso di autorità o di relazioni domestiche, ovvero con abuso di
relazioni di ufficio, di prestazione d’opera, di coabitazione, o di ospitalità ;
11-bis) l’avere il colpevole commesso il fatto mentre si trova illegalmente sul territorio nazionale .
11-ter) l’aver commesso un delitto contro la persona ai danni di un soggetto minore all’interno o
nelle adiacenze di istituti di istruzione o di formazione .
11-quater) l’avere il colpevole commesso un delitto non colposo durante il periodo in cui era
ammesso ad una misura alternativa alla detenzione in carcere .
11-quinquies) l’avere, nei delitti non colposi contro la vita e l’incolumità individuale, contro la
libertà personale nonché nel delitto di cui all’articolo 572, commesso il fatto in presenza o in danno
di un minore di anni diciotto ovvero in danno di persona in stato di gravidanza .
[NB] La Corte costituzionale, con sentenza 8 luglio 2010, n. 249, ha dichiarato l’illegittimità
costituzionale di tale numero, che è stato inserito dall’art. 1 del d.l. 23 maggio 2008, n. 92, conv.,
con modif., dalla legge 24 luglio 2008, n. 125. Ai sensi dell’art. 1 della l. 15 luglio 2009, n. 94, tale
disposizione si intende riferita ai cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione europea e agli
apolidi.
Articolo n.62
Circostanze attenuanti comuni.
1. Attenuano il reato, quando non ne sono elementi costitutivi o circostanze attenuanti speciali, le
circostanze seguenti:
1) l’avere agito per motivi di particolare valore morale o sociale;
2) l’avere reagito in stato di ira, determinato da un fatto ingiusto altrui ;
3) l’avere agito per suggestione di una folla in tumulto, quando non si tratta di riunioni o
assembramenti vietati dalla legge o dall’Autorità, e il colpevole non è delinquente o contravventore
abituale o professionale , o delinquente per tendenza ;
4) l’avere, nei delitti contro il patrimonio , o che comunque offendono il patrimonio, cagionato alla
persona offesa dal reato un danno patrimoniale di speciale tenuità, ovvero nei delitti determinati da
motivi di lucro, l’avere agito per conseguire o l’avere comunque conseguito un lucro di speciale
tenuità, quando anche l’evento dannoso o pericoloso sia di speciale tenuità ;
5) l’essere concorso a determinare l’evento, insieme con l’azione o l’omissione del colpevole, il fatto
doloso della persona offesa ;
6) l’avere, prima del giudizio , riparato interamente il danno, mediante il risarcimento di esso, e,
quando sia possibile, mediante le restituzioni ; o l’essersi, prima del giudizio e fuori del caso
preveduto nell’ultimo capoverso dell’articolo 56, adoperato spontaneamente ed efficacemente per
elidere o attenuare le conseguenze dannose o pericolose del reato .
Articolo n.63
Applicazione degli aumenti o delle diminuzioni di pena.
1. Quando la legge dispone che la pena sia aumentata o diminuita entro limiti determinati ,
l’aumento o la diminuzione si opera sulla quantità di essa, che il giudice applicherebbe al
colpevole , qualora non concorresse la circostanza che la fa aumentare o diminuire.
2. Se concorrono più circostanze aggravanti , ovvero più circostanze attenuanti , l’aumento o la
diminuzione di pena si opera sulla quantità di essa risultante dall’aumento o dalla diminuzione
precedente.
3. Quando per una circostanza la legge stabilisce una pena di specie diversa da quella ordinaria del
reato o si tratta di circostanza ad effetto speciale, l’aumento o la diminuzione per le altre circostanze
non opera sulla pena ordinaria del reato, ma sulla pena stabilita per la circostanza anzidetta. Sono
circostanze ad effetto speciale quelle che importano un aumento o una diminuzione della pena
superiore ad un terzo .
4. Se concorrono più circostanze aggravanti tra quelle indicate nel secondo capoverso di questo
articolo, si applica soltanto la pena stabilita per la circostanza più grave; ma il giudice può
aumentarla .
5. Se concorrono più circostanze attenuanti tra quelle indicate nel secondo capoverso di questo
articolo, si applica soltanto la pena meno grave stabilita per le predette circostanze; ma il giudice
può diminuirla .
Articolo n.64
Aumento di pena nel caso di una sola circostanza aggravante.
1. Quando ricorre una circostanza aggravante, e l’aumento di pena non è determinato dalla legge, è
aumentata fino a un terzo la pena che dovrebbe essere inflitta per il reato commesso.
2. Nondimeno, la pena della reclusione da applicare per effetto dell’aumento non può superare gli
anni trenta .
*
*
mobbing
Verb
1. present participle of mob
Noun
1. (biology) The aggressive behaviour of a group of animals on another individual (especially a predator).
2. Group bullying.
*
mob programming
Nounmob programming (uncountable)1. (software engineering) A software development approach where the whole team works on a single project at a single computer at the same time.

3 pensieri riguardo “DENUNCIA_QUERELA A FACEBOOK E IL LORO STANDARD DI COMUNITÀ MAFIOSA e meschina, Da #EX_ORGANIZER_M5S quale elemento politico che fa  LA DIFFERENZA Salmi 11; Salmi 55; Salmi 110 מַלְכִּי־צֶדֶק.; Salmi 133; 

  1. 《 AllEanZ, Generale.. . Le + Quotate in borsa alle, anzi, gene ri cie OGM Ong DOMANDA LECITA: CHI I PROPRIETARI DIETRO LE QUINTE? 

    https://italiaalata.wordpress.com/2019/07/08/alleanz-generale-le-quotate-in-borsa-alle-anzi-gene-ri-cie-ogm-ong-domanda-lecita-chi-i-proprietari-dietro-le-quinte/ 》 

     
    Alleanz  
    Generale
    Le + Quotate in borsa alle, anzi, gene ri cie

    OGM Ong

    DOMANDA LECITA:

    CHI I PROPRIETARI DIETRO LE QUINTE?

    FACEBOOK È DI CIA ACAB E ACAB È DI LORD LONton

    https://www.risorgimentomeridionale.net/2019/07/lecumenismo-religioso-e-laltra-faccia.html

    #NODI_INDUSTRIALI KM0
    PARTNERSHIP CRISTINA

    https://www.oggidonna.net/prodotti-cinesi-cancerogeni-e-bene-sapere-quali-sono-e-perche/

    *
    .

    《 DIO DICE: IO SPERO CHE TU ESISTA, come un padre responsabile.

    E il Signore aggiunge #DIVENTA_TE_STESSO in fatti,  #INCRISTO e SENZA CROCCANTI INCROSTAZIONI di MERCANZIA 

    07/07/2019 #anno2019 

    《 Guida sulla responsabilità dei magistrati Rm 11:4 Ma che cosa gli rispose la voce divina? «Mi sono riservato settemila uomini che non hanno piegato il ginocchio davanti a Baal». 

    https://italiaalata.wordpress.com/2019/07/04/guida-sulla-responsabilita-dei-magistrati-rm-114-ma-che-cosa-gli-rispose-la-voce-divina-mi-sono-riservato-settemila-uomini-che-non-hanno-piegato-il-ginocchio-davanti-a-baal/ 》 

    #infoGESÙ 

    #BUFFA_ANDREA_SALVATORE 

    #gafaNote
    Le foto nei portali di Cia drive #gafa

    #EX_ORGANIZER_M5S DENUNCIA E QUERELA  – Invitation to collaborate

    https://drive.google.com/folderview?id=1L_YawD5DzMkz_OxptZasCJnJWDQ7u8me

    Facebook intelligence che é ANTICRISTO  – Invito a collaborare

    https://drive.google.com/folderview?id=1-0cSKoWmozG8HBa25RzRdriN6pXpodoA

    《 DENUNCIA_QUERELA A FACEBOOK E IL LORO STANDARD DI COMUNITÀ MAFIOSA e meschina, Da #EX_ORGANIZER_M5S quale elemento politico che fa  LA DIFFERENZA Salmi 11; Salmi 55; Salmi 110 מַלְכִּי־צֶדֶק.; Salmi 133;  – ITALIA ALATA

    https://italiaalata.wordpress.com/2019/07/08/denuncia_querela-a-facebook-e-il-loro-standard-di-comunita-mafiosa-e-meschina-da-ex_organizer_m5s-quale-elemento-politico-che-fa-la-differenza-salmi-11-salmi-55-salmi-110-%d7%9e/ 

    》 

    《 #DENUNCIA_QUERELA  IL SINDACO GAY E l’affare losco dell’industria ittica 

    https://italiaalata.wordpress.com/2019/07/08/denuncia_querela-il-sindaco-gay-e-laffare-losco-dellindustria-ittica/ 》 

    #EX_ORGANIZER_M5S 
    #DENUNCIA_QUERELA 

    *

    Il governo invia per sbaglio documenti sul “controllo mentale a distanza” ad un giornalista

    https://neovitruvian.wordpress.com/2018/04/20/il-governo-invia-per-sbaglio-documenti-sul-controllo-mentale-a-distanza-ad-un-giornalista/

    *

    Bibbiano COME ALTROVE, 
    #MAZARAnote #DENISE PEDOFILIA VATICANA #OBAMA #MACROn

    angeli-e-demoni-come-si-silenzia-linferno-di-un-paese-che-non-voleva-

    https://www.lospecialegiornale.it/2019/07/05/angeli-e-demoni-come-si-silenzia-linferno-di-un-paese-che-non-voleva-la-bibbia-bibbia-no/

    *

    *

    Responsabilità dei magistrati: riforma in vigore dal 19 marzo 

    https://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_17757.asp

    *

    Dlgs 109/06, Decreto Legislativo 23 febbraio 2006, n. 109 camera.it

    https://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/06109dl.htm

    “Disciplina degli illeciti disciplinari dei magistrati, delle relative sanzioni e della procedura per la loro applicabilità, nonche’ modifica della disciplina in tema di incompatibilità, dispensa dal servizio e trasferimento di ufficio dei magistrati, a norma dell’articolo 1, comma 1, lettera f), della legge 25 luglio 2005, n. 150”

    pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2006

    IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

    Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

    Vista la legge 25 luglio 2005, n. 150, recante delega al Governo per la riforma dell’ordinamento giudiziario di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, per il decentramento del Ministero della giustizia, per la modifica della disciplina concernente il Consiglio di presidenza della Corte dei conti e il Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, nonche’ per l’emanazione di un testo unico;

    Visti, in particolare, gli articoli 1, comma 1, lettera f), e 2, commi 6 e 7, della citata legge n. 150 del 2005 che prevedono la individuazione delle fattispecie tipiche di illecito disciplinare dei magistrati e delle relative sanzioni, la modifica della procedura per l’applicazione delle medesime, nonche’ la modifica della disciplina in tema di incompatibilità, dispensa dal servizio e trasferimento di ufficio dei magistrati;

    Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 28 ottobre 2005;

    Aquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei deputati, espressi in data 20 dicembre 2005 ed in data 22 dicembre 2005, e del Senato della Repubblica, espressi in data 7 dicembre 2005 ed in data 30 novembre 2005, a norma dell’articolo 1, comma 4, della citata legge n. 150 del 2005;

    Ritenuto di conformarsi alla condizione formulata dalla Commissione giustizia del Senato della Repubblica in ordine alla soppressione dell’articolo 2, con ciò dovendosi ritenere contestualmente assorbita anche la condizione formulata dalla Commissione giustizia della Camera dei deputati in ordine al medesimo articolo;

    Esaminate le osservazioni formulate dalla Commissione giustizia del Senato della Repubblica;

    Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 19 gennaio 2006;

    Sulla proposta del Ministro della giustizia, di concerto con i Ministri dell’economia e delle finanze e per la funzione pubblica;

    EMANA
    il seguente decreto legislativo:

    Capo I
    DELLA RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE DEI MAGISTRATI

    Sezione I
    Degli illeciti disciplinari

    Art. 1.
    Doveri del magistrato

    1. Il magistrato esercita le funzioni attribuitegli con imparzialità, correttezza, diligenza, laboriosità, riserbo e equilibrio e rispetta la dignità della persona nell’esercizio delle funzioni.

    2. Il magistrato, anche fuori dall’esercizio delle proprie funzioni, non deve tenere comportamenti, ancorche’ legittimi, che compromettano la credibilità personale, il prestigio e il decoro del magistrato o il prestigio dell’istituzione giudiziaria.

    3. Le violazioni dei doveri di cui ai commi 1 e 2 costituiscono illecito disciplinare perseguibile nelle ipotesi previste agli articoli 2, 3 e 4.

    Art. 2.
    Illeciti disciplinari nell’esercizio delle funzioni

    1. Costituiscono illeciti disciplinari nell’esercizio delle funzioni:

    a) fatto salvo quanto previsto dalle lettere b) e c), i comportamenti che, violando i doveri di cui all’articolo 1, arrecano ingiusto danno o indebito vantaggio ad una delle parti;

    b) l’omissione della comunicazione, al Consiglio superiore della magistratura, della sussistenza di una delle situazioni di incompatibilità di cui agli articoli 18 e 19 dell’ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e successive modificazioni, come modificati dall’articolo 29 del presente decreto;

    c) la consapevole inosservanza dell’obbligo di astensione nei casi previsti dalla legge;

    d) i comportamenti abitualmente o gravemente scorretti nei confronti delle parti, dei loro difensori, dei testimoni o di chiunque abbia rapporti con il magistrato nell’ambito dell’ufficio giudiziario, ovvero nei confronti di altri magistrati o di collaboratori;

    e) l’ingiustificata interferenza nell’attività giudiziaria di altro magistrato;

    f) l’omessa comunicazione al capo dell’ufficio, da parte del magistrato destinatario, delle avvenute interferenze;

    g) la grave violazione di legge determinata da ignoranza o negligenza inescusabile;

    h) il travisamento dei fatti determinato da negligenza inescusabile;

    i) il perseguimento di fini estranei ai suoi doveri ed alla funzione giudiziaria;

    l) l’emissione di provvedimenti privi di motivazione, ovvero la cui motivazione consiste nella sola affermazione della sussistenza dei presupposti di legge senza indicazione degli elementi di fatto dai quali tale sussistenza risulti, quando la motivazione e’ richiesta dalla legge;

    m) l’adozione di provvedimenti adottati nei casi non consentiti dalla legge, per negligenza grave e inescusabile, che abbiano leso diritti personali o, in modo rilevante, diritti patrimoniali;

    n) la reiterata o grave inosservanza delle norme regolamentari o delle disposizioni sul servizio giudiziario adottate dagli organi competenti;

    o) l’indebito affidamento ad altri di attività rientranti nei propri compiti;

    p) l’inosservanza dell’obbligo di risiedere nel comune in cui ha sede l’ufficio in assenza dell’autorizzazione prevista dalla normativa vigente se ne e’ derivato concreto pregiudizio all’adempimento dei doveri di diligenza e laboriosità;

    q) il reiterato, grave e ingiustificato ritardo nel compimento degli atti relativi all’esercizio delle funzioni; si presume non grave, salvo che non sia diversamente dimostrato, il ritardo che non eccede il triplo dei termini previsti dalla legge per il compimento dell’atto;

    r) il sottrarsi in modo abituale e ingiustificato all’attività di servizio;

    s) per il dirigente dell’ufficio o il presidente di una sezione o il presidente di un collegio, l’omettere di assegnarsi affari e di redigere i relativi provvedimenti;

    t) l’inosservanza dell’obbligo di rendersi reperibile per esigenze di ufficio quando esso sia imposto dalla legge o da disposizione legittima dell’organo competente;

    u) la divulgazione, anche dipendente da negligenza, di atti del procedimento coperti dal segreto o di cui sia previsto il divieto di pubblicazione, nonche’ la violazione del dovere di riservatezza sugli affari in corso di trattazione, o sugli affari definiti, quando e’ idonea a ledere indebitamente diritti altrui;

    v) pubbliche dichiarazioni o interviste che, sotto qualsiasi profilo, riguardino i soggetti a qualsivoglia titolo coinvolti negli affari in corso di trattazione, ovvero trattati e non definiti con provvedimento non soggetto a impugnazione ordinaria;

    z) il tenere rapporti in relazione all’attività del proprio ufficio con gli organi di informazione al di fuori delle modalità previste dal decreto legislativo emanato in attuazione della delega di cui agli articoli 1, comma 1, lettera d) e 2, comma 4, della legge 25 luglio 2005, n. 150;

    aa) il sollecitare la pubblicità di notizie attinenti alla propria attività di ufficio ovvero il costituire e l’utilizzare canali informativi personali riservati o privilegiati;

    bb) il rilasciare dichiarazioni ed interviste in violazione dei criteri di equilibrio e di misura;

    cc) l’adozione intenzionale di provvedimenti affetti da palese incompatibilità tra la parte dispositiva e la motivazione, tali da manifestare una precostituita e inequivocabile contraddizione sul piano logico, contenutistico o argomentativo;

    dd) l’omissione, da parte del dirigente l’ufficio o del presidente di una sezione o di un collegio, della comunicazione agli organi competenti di fatti a lui noti che possono costituire illeciti disciplinari compiuti da magistrati dell’ufficio, della sezione o del collegio;

    ee) l’omissione, da parte del dirigente l’ufficio ovvero da parte del magistrato cui compete il potere di sorveglianza, della comunicazione al Consiglio superiore della magistratura della sussistenza di una delle situazioni di incompatibilità previste dagli articoli 18 e 19 dell’ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, come da ultimo modificati dall’articolo 29 del presente decreto, ovvero delle situazioni che possono dare luogo all’adozione dei provvedimenti di cui agli articoli 2 e 3 del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, come modificati dagli articoli 26, comma 1 e 27 del presente decreto;

    ff) l’adozione di provvedimenti al di fuori di ogni previsione processuale ovvero sulla base di un errore macroscopico o di grave e inescusabile negligenza ovvero di atti e provvedimenti che costituiscono esercizio di una potestà riservata dalla legge ad organi legislativi o amministrativi ovvero ad altri organi costituzionali;

    gg) l’emissione di un provvedimento restrittivo della libertà personale fuori dei casi consentiti dalla legge, determinata da negligenza grave ed inescusabile.

    2. Fermo quanto previsto dal comma 1, lettere g), h), i), l), m), n), o), p), cc) ed ff), l’attività di interpretazione di norme di diritto in conformità all’articolo 12 delle disposizioni sulla legge in generale non dà mai luogo a responsabilità disciplinare.

    Art. 3.
    Illeciti disciplinari fuori dell’esercizio delle funzioni

    1. Costituiscono illeciti disciplinari al di fuori dell’esercizio delle funzioni:

    a) l’uso della qualità di magistrato al fine di conseguire vantaggi ingiusti per se’ o per altri;

    b) il frequentare persona sottoposta a procedimento penale o di prevenzione comunque trattato dal magistrato, o persona che a questi consta essere stata dichiarata delinquente abituale, professionale o per tendenza o aver subito condanna per delitti non colposi alla pena della reclusione superiore a tre anni o essere sottoposto ad una misura di prevenzione, salvo che sia intervenuta la riabilitazione, ovvero l’intrattenere rapporti consapevoli di affari con una di tali persone;

    c) l’assunzione di incarichi extragiudiziari senza la prescritta autorizzazione del Consiglio superiore della magistratura;

    d) lo svolgimento di attività incompatibili con la funzione giudiziaria di cui all’articolo 16, comma 1, del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e succesive modificazioni, o di attività tali da recare concreto pregiudizio all’assolvimento dei doveri disciplinati dall’articolo 1;

    e) l’ottenere, direttamente o indirettamente, prestiti o agevolazioni da soggetti che il magistrato sa essere parti o indagati in procedimenti penali o civili pendenti presso l’ufficio giudiziario di appartenenza o presso altro ufficio che si trovi nel distretto di Corte d’appello nel quale esercita le funzioni giudiziarie, ovvero dai difensori di costoro, nonche’ ottenere, direttamente o indirettamente, prestititi o agevolazioni, a condizioni di eccezionale favore, da parti offese o testimoni o comunque da soggetti coinvolti in detti procedimenti;

    f) la pubblica manifestazione di consenso o dissenso in ordine a un procedimento in corso quando, per la posizione del magistrato o per le modalità con cui il giudizio e’ espresso, sia idonea a condizionare la libertà di decisione nel procedimento medesimo;

    g) la partecipazione ad associazioni segrete o i cui vincoli sono oggettivamente incompatibili con l’esercizio delle funzioni giudiziarie;

    h) l’iscrizione o la partecipazione a partiti politici ovvero il coinvolgimento nelle attività di centri politici o operativi nel settore finanziario che possono condizionare l’esercizio delle funzioni o comunque compromettere l’immagine del magistrato;

    i) l’uso strumentale della qualità che, per la posizione del magistrato o per le modalità di realizzazione, e’ idoneo a turbare l’esercizio di funzioni costituzionalmente previste;

    l) ogni altro comportamento tale da compromettere l’indipendenza, la terzietà e l’imparzialità del magistrato, anche sotto il profilo dell’apparenza.

    Art. 4.
    Illeciti disciplinari conseguenti a reato

    1. Costituiscono illeciti disciplinari conseguenti al reato:

    a) i fatti per i quali e’ intervenuta condanna irrevocabile o e’ stata pronunciata sentenza ai sensi dell’articolo 444, comma 2, del codice di procedura penale, per delitto doloso o preterintenzionale, quando la legge stabilisce la pena detentiva sola o congiunta alla pena pecuniaria;

    b) i fatti per i quali e’ intervenuta condanna irrevocabile o e’ stata pronunciata sentenza ai sensi dell’articolo 444, comma 2, del codice di procedura penale, per delitto colposo, alla pena della reclusione, sempre che presentino, per modalità e conseguenze, carattere di particolare gravità;

    c) i fatti per i quali e’ intervenuta condanna irrevocabile o e’ stata pronunciata sentenza ai sensi dell’articolo 444, comma 2, del codice di procedura penale, alla pena dell’arresto, sempre che presentino, per le modalità di esecuzione, carattere di particolare gravità;

    d) qualunque fatto costituente reato idoneo a ledere l’immagine del magistrato, anche se il reato e’ estinto per qualsiasi causa o l’azione penale non può essere iniziata o proseguita.

    Sezione II
    Delle sanzioni disciplinari

    Art. 5.
    Sanzioni

    1. Il magistrato che viola i suoi doveri e’ soggetto alle seguenti sanzioni disciplinari:

    a) l’ammonimento;

    b) la censura;

    c) la perdita dell’anzianità;

    d) l’incapacità temporanea a esercitare un incarico direttivo o semidirettivo;

    e) la sospensione dalle funzioni da tre mesi a due anni;

    f) la rimozione.

    2. Quando per il concorso di più illeciti disciplinari si debbono irrogare più sanzioni di diversa gravità, si applica la sanzione prevista per l’infrazione più grave; quando più illeciti disciplinari, commessi in concorso tra loro, sono puniti con la medesima sanzione, si applica la sanzione immediatamente più grave. Nell’uno e nell’altro caso può essere applicata anche la sanzione meno grave se compatibile.

    Art. 6.
    Ammonimento

    1. L’ammonimento e’ un richiamo, espresso nel dispositivo della decisione disciplinare, all’osservanza, da parte del magistrato, dei suoi doveri, in rapporto all’illecito commesso.

    Art. 7.
    Censura

    1. La censura e’ una dichiarazione formale di biasimo contenuta nel dispositivo della decisione disciplinare.

    Art. 8.
    Perdita dell’anzianità

    1. La perdita dell’anzianità non può essere inferiore a due mesi e non può superare i due anni.

    Art. 9.
    Temporanea incapacità ad esercitare un incarico direttivo o semidirettivo

    1. La temporanea incapacità ad esercitare un incarico direttivo o semidirettivo non può essere inferiore a sei mesi e non può superare i due anni. Se il magistrato svolge funzioni direttive o semidirettive, debbono essergli conferite di ufficio altre funzioni non direttive o semidirettive, corrispondenti alla sua qualifica.

    2. Applicata la sanzione, il magistrato non può riprendere l’esercizio delle funzioni direttive o semidirettive presso l’ufficio ove le svolgeva anteriormente al provvedimento disciplinare.

    Art. 10.
    Sospensione dalle funzioni

    1. La sospensione dalle funzioni consiste nell’allontanamento dalle funzioni con la sospensione dallo stipendio e il collocamento del magistrato fuori dal ruolo organico della magistratura.

    2. Al magistrato sospeso e’ corrisposto un assegno alimentare pari ai due terzi dello stipendio e delle altre competenze di carattere continuativo, se il magistrato sta percependo il trattamento economico riservato alla prima o seconda o terza classe stipendiale; alla metà, se alla quarta o quinta classe; a un terzo, se alla sesta o settima classe.

    Art. 11.
    Rimozione

    1. La rimozione determina la cessazione del rapporto di servizio e viene attuata mediante decreto del Presidente della Repubblica.

    Art. 12.
    Sanzioni applicabili

    1. Si applica una sanzione non inferiore alla censura per:

    a) i comportamenti che, violando i doveri di cui all’articolo 1, arrecano ingiusto danno o indebito vantaggio a una delle parti;

    b) la consapevole inosservanza dell’obbligo di astensione nei casi previsti dalla legge;

    c) l’omissione, da parte dell’interessato, della comunicazione al Consiglio superiore della magistratura della sussistenza di una delle cause di incompatibilità di cui agli articoli 18 e 19 dell’ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, come modificati dall’articolo 29 del presente decreto;

    d) il tenere comportamenti che, a causa dei rapporti comunque esistenti con i soggetti coinvolti nel procedimento ovvero a causa di avvenute interferenze, costituiscano violazione del dovere di imparzialità;

    e) i comportamenti previsti dall’articolo 2, comma 1, lettere d), e) ed f);

    f) il perseguimento di fini diversi da quelli di giustizia;

    g) il reiterato o grave ritardo nel compimento degli atti relativi all’esercizio delle funzioni;

    h) la scarsa laboriosità, se abituale;

    i) la grave o abituale violazione del dovere di riservatezza;

    l) l’uso della qualità di magistrato al fine di conseguire vantaggi ingiusti;

    m) lo svolgimento di incarichi extragiudiziari senza avere richiesto o ottenuto la prescritta autorizzazione dal Consiglio superiore della magistratura, qualora per l’entità e la natura dell’incarico il fatto non si appalesi di particolare gravità.

    2. Si applica una sanzione non inferiore alla perdita dell’anzianità per:

    a) i comportamenti che, violando i doveri di cui all’articolo 1, arrecano grave e ingiusto danno o indebito vantaggio a una delle parti;

    b) l’uso della qualità di magistrato al fine di conseguire vantaggi ingiusti, se abituale e grave;

    c) i comportamenti previsti dall’articolo 3, comma 1, lettera b).

    3. Si applica la sanzione della incapacità a esercitare un incarico direttivo o semidirettivo per l’interferenza, nell’attività di altro magistrato, da parte del dirigente dell’ufficio o del presidente della sezione, se ripetuta o grave.

    4. Si applica una sanzione non inferiore alla sospensione dalle funzioni per l’accettazione e lo svolgimento di incarichi e uffici vietati dalla legge ovvero per l’accettazione e lo svolgimento di incarichi per i quali non e’ stata richiesta o ottenuta la prescritta autorizzazione, qualora per l’entità e la natura dell’incarico il fatto si appalesi di particolare gravità.

    5. Si applica la sanzione della rimozione al magistrato che sia stato condannato in sede disciplinare per i fatti previsti dall’articolo 3, comma 1, lettera e), che incorre nella interdizione perpetua o temporanea dai pubblici uffici in seguito a condanna penale o che incorre in una condanna a pena detentiva per delitto non colposo non inferiore a un anno la cui esecuzione non sia stata sospesa, ai sensi degli articoli 163 e 164 del Codice penale o per la quale sia intervenuto provvedimento di revoca della sospensione ai sensi dell’articolo 168 dello stesso Codice.

    Art. 13.
    Trasferimento d’ufficio e provvedimenti cautelari

    1. La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, nell’infliggere una sanzione diversa dall’ammonimento e dalla rimozione, può disporre il trasferimento del magistrato ad altra sede o ad altro ufficio quando, per la condotta tenuta, la permanenza nella stessa sede o nello stesso ufficio appare in contrasto con il buon andamento dell’amministrazione della giustizia. Il trasferimento e’ sempre disposto quando ricorre una delle violazioni previste dall’articolo 2, comma 1, lettera a), nonche’ nel caso in cui e’ inflitta la sanzione della sospensione dalle funzioni.

    2. Nei casi di procedimento disciplinare per addebiti punibili con una sanzione diversa dall’ammonimento, su richiesta del Ministro della giustizia o del Procuratore generale presso la Corte di cassazione, ove sussistano gravi elementi di fondatezza dell’azione disciplinare e ricorrano motivi di particolare urgenza, la Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, in via cautelare e provvisoria, può disporre il trasferimento ad altra sede o la destinazione ad altre funzioni del magistrato incolpato.

    Capo II
    DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

    Art. 14.
    Titolarità dell’azione disciplinare

    1. L’azione disciplinare e’ promossa dal Ministro della giustizia e dal Procuratore generale presso la Corte di cassazione.

    2. Il Ministro della giustizia ha facoltà di promuovere l’azione disciplinare mediante richiesta di indagini al Procuratore generale presso la Corte di cassazione. Dell’iniziativa il Ministro dà comunicazione al Consiglio superiore della magistratura, con indicazione sommaria dei fatti per i quali si procede.

    3. Il Procuratore generale presso la Corte di cassazione ha l’obbligo di esercitare l’azione disciplinare, dandone comunicazione al Ministro della giustizia e al Consiglio superiore della magistratura, con indicazione sommaria dei fatti per i quali si procede. Il Ministro della giustizia, se ritiene che l’azione disciplinare deve essere estesa ad altri fatti, ne fa richiesta, nel corso delle indagini, al Procuratore generale.

    4. Il Consiglio superiore della magistratura, i consigli giudiziari e i dirigenti degli uffici hanno l’obbligo di comunicare al Ministro della giustizia e al Procuratore generale presso la Corte di cassazione ogni fatto rilevante sotto il profilo disciplinare. I presidenti di sezione e i presidenti di collegio debbono comunicare ai dirigenti degli uffici i fatti concernenti l’attività dei magistrati della sezione o del collegio che siano rilevanti sotto il profilo disciplinare.

    5. Il Procuratore generale presso la Corte di cassazione può contestare fatti nuovi nel corso delle indagini, anche se l’azione e’ stata promossa dal Ministro della giustizia, salva la facoltà del Ministro di cui al comma 3, ultimo periodo.

    Art. 15.
    Termini dell’azione disciplinare

    1. L’azione disciplinare e’ promossa entro un anno dalla notizia del fatto, della quale il Procuratore generale presso la Corte di cassazione ha conoscenza a seguito dell’espletamento di sommarie indagini preliminari o di denuncia circostanziata o di segnalazione del Ministro della giustizia. La denuncia e’ circostanziata quando contiene tutti gli elementi costitutivi di una fattispecie disciplinare. In difetto di tali elementi, la denuncia non costituisce notizia di rilievo disciplinare.

    2. Entro un anno dall’inizio del procedimento il Procuratore generale deve formulare le richieste conclusive di cui all’articolo 17, commi 2 e 6; entro un anno dalla richiesta, la sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, nella composizione di cui all’articolo 4 della legge 24 marzo 1958, n. 195, si pronuncia.

    3. La richiesta di indagini rivolta dal Ministro della giustizia al Procuratore generale o la comunicazione da quest’ultimo data al Consiglio superiore della magistratura ai sensi dell’articolo 14, comma 3, determinano, a tutti gli effetti, l’inizio del procedimento.

    4. Dell’inizio del procedimento deve essere data comunicazione, entro trenta giorni, all’incolpato, con l’indicazione del fatto che gli viene addebitato. Deve procedersi ad analoga comunicazione per le ulteriori contestazioni di cui all’articolo 14, comma 5. L’incolpato può farsi assistere da altro magistrato, anche in quiescenza, o da un avvocato, designati in qualunque momento dopo la comunicazione dell’addebito, nonche’, se del caso, da un consulente tecnico.

    5. Gli atti di indagine non preceduti dalla comunicazione all’incolpato o da avviso al difensore, quando e’ previsto, se già designato, sono nulli, ma la nullità non può essere più rilevata quando non e’ dedotta con dichiarazione scritta e motivata nel termine di dieci giorni dalla data in cui l’interessato ha avuto conoscenza del contenuto di tali atti o, in mancanza, da quella della comunicazione del decreto che fissa la discussione orale davanti alla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura.

    6. Se la sentenza della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura e’ annullata in tutto o in parte a seguito del ricorso per cassazione, il termine per la pronuncia nel giudizio di rinvio e’ di un anno e decorre dalla data in cui vengono restituiti gli atti del procedimento dalla Corte di cassazione.

    7. Se i termini non sono osservati, il procedimento disciplinare si estingue, sempre che l’incolpato vi consenta.

    8. Il corso dei termini e’ sospeso:

    a) se per il medesimo fatto e’ stata esercitata l’azione penale, ovvero il magistrato e’ stato arrestato o fermato o si trova in stato di custodia cautelare, riprendendo a decorrere dalla data in cui non e’ più soggetta ad impugnazione la sentenza di non luogo a procedere ovvero sono divenuti irrevocabili la sentenza o il decreto penale di condanna;

    b) se durante il procedimento disciplinare viene sollevata questione di legittimità costituzionale, riprendendo a decorrere dal giorno in cui e’ pubblicata la decisione della Corte costituzionale;

    c) se l’incolpato e’ sottoposto a perizia o ad accertamenti specialistici, e per tutto il tempo necessario;

    d) se il procedimento disciplinare e’ rinviato a richiesta dell’incolpato o del suo difensore o per impedimento dell’incolpato o del suo difensore.

    Art. 16.
    Indagini nel procedimento disciplinare

    1. Il pubblico ministero procede all’attività di indagine. Le funzioni di pubblico ministero sono esercitate dal Procuratore generale presso la Corte di cassazione o da un magistrato del suo ufficio.

    2. Per l’attività di indagine si osservano, in quanto compatibili, le norme del codice di procedura penale, eccezione fatta per quelle che comportano l’esercizio di poteri coercitivi nei confronti dell’imputato, delle persone informate sui fatti, dei periti e degli interpreti. Si applica, comunque, quanto previsto dall’articolo 133 del codice di procedura penale.

    3. Alle persone informate sui fatti, ai periti e interpreti si applicano le disposizioni degli articoli 366, 371-bis, 371-ter, 372, 373, 376, 377 e 384 del codice penale.

    4. Il Procuratore generale presso la Corte di cassazione, se lo ritiene necessario ai fini delle determinazioni sull’azione disciplinare, può acquisire atti coperti da segreto investigativo senza che detto segreto possa essergli opposto. Nel caso in cui il procuratore della Repubblica comunichi, motivatamente, che dalla divulgazione degli atti coperti da segreto investigativo possa derivare grave pregiudizio alle indagini, il Procuratore generale dispone, con decreto, che i detti atti rimangano segreti per un periodo non superiore a dodici mesi e sospende il procedimento disciplinare per un analogo periodo.

    5. Il pubblico ministero, per gli atti da compiersi fuori dal suo ufficio, può richiedere altro magistrato in servizio presso la procura generale della corte d’appello nel cui distretto l’atto deve essere compiuto.

    Art. 17.
    Chiusura delle indagini

    1. Compiute le indagini, il Procuratore generale formula le richieste conclusive di cui ai commi 2 e 6 e invia alla sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura il fascicolo del procedimento, dandone comunicazione all’incolpato. Il fascicolo e’ depositato nella segreteria della sezione a disposizione dell’incolpato, che può prenderne visione ed estrarre copia degli atti.

    2. Il Procuratore generale presso la Corte di cassazione, al termine delle indagini, se non ritiene di dover chiedere la declaratoria di non luogo a procedere, formula l’incolpazione e chiede al presidente della sezione disciplinare la fissazione dell’udienza di discussione orale. Il Procuratore generale presso la Corte di cassazione dà comunicazione al Ministro della giustizia delle sue determinazioni ed invia copia dell’atto.

    3. Il Ministro della giustizia, entro venti giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 2, può chiedere l’integrazione e, nel caso di azione disciplinare da lui promossa, la modificazione della contestazione, cui provvede il Procuratore generale presso la Corte di cassazione.

    4. Il presidente della sezione disciplinare fissa, con suo decreto, il giorno della discussione orale, con avviso ai testimoni e ai periti.

    5. Il decreto di cui al comma 4 e’ comunicato, almeno dieci giorni prima della data fissata per la discussione orale, al pubblico ministero e all’incolpato nonche’ al difensore di questo ultimo, se già designato, e, nelle ipotesi in cui egli abbia promosso l’azione disciplinare, richiesto l’integrazione o la modificazione della contestazione, al Ministro della giustizia, il quale può esercitare la facoltà di partecipare all’udienza delegando un magistrato dell’Ispettorato.

    6. Il Procuratore generale, nel caso in cui ritenga che si debba escludere l’addebito, fa richiesta motivata alla sezione disciplinare per la declaratoria di non luogo a procedere. Della richiesta e’ data comunicazione al Ministro della giustizia, nell’ipotesi in cui egli abbia promosso l’azione disciplinare, ovvero richiesto l’integrazione della contestazione, con invio di copia dell’atto.

    7. Il Ministro della giustizia, entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione di cui al comma 6, può richiedere copia degli atti del procedimento, nell’ipotesi in cui egli abbia promosso l’azione disciplinare, ovvero richiesto l’integrazione della contestazione, e, nei venti giorni successivi alla ricezione degli stessi, può richiedere al presidente della sezione disciplinare la fissazione dell’udienza di discussione orale, formulando l’incolpazione. Sulla richiesta, si provvede nei modi previsti nei commi 4 e 5 e le funzioni di pubblico ministero, nella discussione orale, sono esercitate dal Procuratore generale presso la Corte di cassazione o da un suo sostituto. Il Ministro della giustizia può esercitare la facoltà di partecipare all’udienza delegando un magistrato dell’Ispettorato.

    8. Decorsi i termini di cui al comma 7, sulla richiesta di non luogo a procedere la sezione disciplinare decide in camera di consiglio. Se accoglie la richiesta, provvede con ordinanza di non luogo a procedere. Se rigetta la richiesta, il Procuratore generale formula l’incolpazione e chiede al presidente della sezione disciplinare la fissazione dell’udienza di discussione orale. Si provvede nei modi previsti dai commi 4 e 5.

    Art. 18.
    Discussione nel giudizio disciplinare

    1. Nella discussione orale un componente della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura nominato dal presidente svolge la relazione. Il delegato del Ministro della giustizia può presentare memorie, esaminare testi, consulenti e periti e interrogare l’incolpato.

    2. L’udienza e’ pubblica. La sezione disciplinare, su richiesta di una delle parti, può disporre che la discussione si svolga a porte chiuse se ricorrono esigenze di tutela della credibilità della funzione giudiziaria, con riferimento ai fatti contestati ed all’ufficio che l’incolpato occupa, ovvero esigenze di tutela del diritto dei terzi.

    3. La sezione disciplinare può:

    a) assumere, anche d’ufficio, tutte le prove che ritiene utili;

    b) disporre o consentire la lettura di rapporti dell’Ispettorato generale del Ministero della giustizia, dei consigli giudiziari e dei dirigenti degli uffici, la lettura di atti dei fascicoli personali nonche’ delle prove acquisite nel corso delle indagini;

    c) consentire l’esibizione di documenti da parte del pubblico ministero, dell’incolpato e del delegato del Ministro della giustizia.

    4. Si osservano, in quanto compatibili, le norme del codice di procedura penale sul dibattimento, eccezione fatta per quelle che comportano l’esercizio di poteri coercitivi nei confronti dell’imputato, dei testimoni, dei periti e degli interpreti. Resta fermo quanto previsto dall’articolo 133 del codice di procedura penale.

    5. Ai testimoni, periti e interpreti si applicano le disposizioni di cui agli articoli 366, 372, 373, 376, 377 e 384 del codice penale.

    Art. 19.
    Sentenza disciplinare

    1. La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura delibera immediatamente dopo l’assunzione delle prove, le conclusioni del pubblico ministero, del delegato del Ministro della giustizia e della difesa dell’incolpato, il quale deve essere sentito per ultimo. Il pubblico ministero non assiste alla deliberazione in camera di consiglio.

    2. La Sezione disciplinare provvede con sentenza, irrogando una sanzione disciplinare ovvero, se non e’ raggiunta prova sufficiente, dichiarando esclusa la sussistenza dell’addebito. I motivi della sentenza sono depositati nella segreteria della sezione disciplinare entro trenta giorni dalla deliberazione.

    3. I provvedimenti adottati dalla sezione disciplinare sono comunicati al Ministro della giustizia nell’ipotesi in cui egli abbia promosso l’azione disciplinare, ovvero richiesto l’integrazione o la modificazione della contestazione, con invio di copia integrale, anche ai fini della decorrenza dei termini per la proposizione del ricorso alle sezioni unite della Corte di cassazione. Il Ministro può richiedere copia degli atti del procedimento.

    Art. 20.
    Rapporti tra il procedimento disciplinare e il giudizio civile o penale

    1. L’azione disciplinare e’ promossa indipendentemente dall’azione civile di risarcimento del danno o dall’azione penale relativa allo stesso fatto, ferme restando le ipotesi di sospensione dei termini di cui all’articolo 15, comma 8.

    2. Hanno autorità di cosa giudicata nel giudizio disciplinare quanto all’accertamento della sussistenza del fatto, della sua illiceità penale e dell’affermazione che l’imputato lo ha commesso:

    a) la sentenza penale irrevocabile di condanna;

    b) la sentenza irrevocabile prevista dall’articolo 444, comma 2, del codice di procedura penale.

    3. Ha autorità di cosa giudicata nel giudizio disciplinare quanto all’accertamento che il fatto non sussiste o che l’imputato non lo ha commesso, la sentenza penale irrevocabile di assoluzione.

    Art. 21.
    Sospensione cautelare obbligatoria

    1. A richiesta del Ministro della giustizia o del Procuratore generale presso la Corte di cassazione, la Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura sospende dalle funzioni e dallo stipendio e colloca fuori dal ruolo organico della magistratura il magistrato, sottoposto a procedimento penale, nei cui confronti sia stata adottata una misura cautelare personale.

    2. La sospensione permane sino alla sentenza di non luogo a procedere non più soggetta ad impugnazione o alla sentenza irrevocabile di proscioglimento.

    3. La sospensione e’ revocata, anche d’ufficio, dalla sezione disciplinare, allorche’ la misura cautelare e’ revocata per carenza di gravi indizi di colpevolezza. Negli altri casi di revoca o di cessazione degli effetti della misura cautelare, la sospensione può essere revocata.

    4. Al magistrato sospeso e’ corrisposto un assegno alimentare nella misura indicata nell’articolo 10, comma 2.

    5. Il magistrato riacquista il diritto agli stipendi e alle altre competenze non percepite, detratte le somme corrisposte per assegno alimentare, se e’ prosciolto con sentenza irrevocabile ai sensi dell’articolo 530 del codice di procedura penale. Tale disposizione si applica anche se e’ pronunciata nei suoi confronti sentenza di proscioglimento per ragioni diverse o sentenza di non luogo a procedere non più soggetta ad impugnazione, qualora, essendo stato il magistrato sottoposto a procedimento disciplinare, lo stesso si sia concluso con la pronuncia indicata nell’articolo 22, comma 5.

    Art. 22.
    Sospensione cautelare facoltativa

    1. Quando il magistrato e’ sottoposto a procedimento penale per delitto non colposo punibile, anche in via alternativa, con pena detentiva, o quando al medesimo possono essere ascritti fatti rilevanti sotto il profilo disciplinare che, per la loro gravità, siano incompatibili con l’esercizio delle funzioni, il Ministro della giustizia o il Procuratore generale presso la Corte di cassazione possono chiedere alla Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura la sospensione cautelare dalle funzioni e dallo stipendio, e il collocamento fuori dal ruolo organico della magistratura, anche prima dell’inizio del procedimento disciplinare.

    2. La Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura convoca il magistrato con un preavviso di almeno tre giorni e provvede dopo aver sentito l’interessato o dopo aver constatato la sua mancata presentazione. Il magistrato può farsi assistere da altro magistrato o da un avvocato.

    3. La sospensione può essere revocata dalla Sezione disciplinare in qualsiasi momento, anche d’ufficio.

    4. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 21, commi 4 e 5.

    5. Se e’ pronunciata sentenza di non luogo a procedere o se l’incolpato e’ assolto o condannato ad una sanzione diversa dalla rimozione o dalla sospensione dalle funzioni per un tempo pari o superiore alla durata della sospensione cautelare eventualmente disposta, sono corrisposti gli arretrati dello stipendio e delle altre competenze non percepiti, detratte le somme già riscosse per assegno alimentare.

    Art. 23.
    Cessazione degli effetti della sospensione cautelare

    1. Fatti salvi gli effetti delle disposizioni di cui agli articoli 3, commi 57 e 57-bis, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive modificazioni, e 2, comma 3, del decreto-legge 16 marzo 2004, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 maggio 2004, n. 126, il magistrato sottoposto a procedimento penale e sospeso in via cautelare, qualora sia prosciolto con sentenza irrevocabile ovvero sia pronunciata nei suoi confronti sentenza di non luogo a procedere non più soggetta ad impugnazione, ha diritto ad essere reintegrato a tutti gli effetti nella situazione anteriore, con attribuzione, nei limiti dei posti vacanti, di funzioni di livello pari a quelle più elevate assegnate ai magistrati che lo seguivano nel ruolo al momento della sospensione cautelare, ad eccezione delle funzioni direttive superiori giudicanti e requirenti di legittimità e delle funzioni direttive superiori apicali di legittimità, previa valutazione, da parte del Consiglio superiore della magistratura, delle attitudini desunte dalle funzioni da ultimo esercitate. Qualora non possano essere assegnate funzioni più elevate rispetto a quelle svolte al momento della sospensione, il magistrato e’ assegnato al posto precedentemente occupato, se vacante; in difetto, ha diritto di scelta fra quelli disponibili, ed entro un anno può chiedere l’assegnazione ad ufficio analogo a quello originariamente ricoperto, con precedenza rispetto ad altri eventuali concorrenti.

    2. La sospensione cautelare cessa di diritto quando diviene definitiva la pronuncia della sezione disciplinare che conclude il procedimento.

    Art. 24.
    Impugnazioni delle decisioni della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura

    1. L’incolpato, il Ministro della giustizia e il Procuratore generale presso la Corte di cassazione possono proporre, contro i provvedimenti in materia di sospensione di cui agli articoli 21 e 22 e contro le sentenze della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura, ricorso per cassazione, nei termini e con le forme previsti dal codice di procedura penale. Nei confronti dei provvedimenti in materia di sospensione il ricorso non ha effetto sospensivo del provvedimento impugnato.

    2. La Corte di cassazione decide a sezioni unite penali, entro sei mesi dalla data di proposizione del ricorso.

    Art. 25.
    Revisione

    1. E’ ammessa, in ogni tempo, la revisione delle sentenze divenute irrevocabili, con le quali e’ stata applicata una sanzione disciplinare, quando:

    a) i fatti posti a fondamento della sentenza risultano incompatibili con quelli accertati in una sentenza penale irrevocabile ovvero in una sentenza di non luogo a procedere non più soggetta ad impugnazione;

    b) sono sopravvenuti o si scoprono, dopo la decisione, nuovi elementi di prova, che, soli o uniti a quelli già esaminati nel procedimento disciplinare, dimostrano l’insussistenza dell’illecito;

    c) il giudizio di responsabilità e l’applicazione della relativa sanzione sono stati determinati da falsità ovvero da altro reato accertato con sentenza irrevocabile.

    2. Gli elementi in base ai quali si chiede la revisione debbono, a pena di inammissibilità della domanda, essere tali da dimostrare che, se accertati, debba essere escluso l’addebito o debba essere applicata una sanzione diversa da quella inflitta se trattasi della rimozione, ovvero se dalla sanzione applicata e’ conseguito il trasferimento d’ufficio.

    3. La revisione può essere chiesta dal magistrato al quale e’ stata applicata la sanzione disciplinare o, in caso di morte o di sopravvenuta incapacità di questi, da un suo prossimo congiunto che vi abbia interesse anche soltanto morale.

    4. L’istanza di revisione e’ proposta personalmente o per mezzo di procuratore speciale. Essa deve contenere, a pena di inammissibilità, l’indicazione specifica delle ragioni e dei mezzi di prova che la giustificano e deve essere presentata, unitamente ad eventuali atti e documenti, alla segreteria della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura.

    5. Nei casi previsti dal comma 1, lettere a) e b), all’istanza deve essere unita copia autentica della sentenza penale.

    6. La revisione può essere chiesta anche dal Ministro della giustizia e dal Procuratore generale presso la Corte di cassazione, alle condizioni di cui ai commi 1 e 2 e con le modalità di cui ai commi 4 e 5.

    7. La sezione disciplinare acquisisce gli atti del procedimento disciplinare e, sentiti il Ministro della giustizia, il Procuratore generale presso la Corte di cassazione, l’istante ed il suo difensore, dichiara inammissibile l’istanza di revisione se proposta fuori dai casi di cui al comma 2, o senza l’osservanza delle disposizioni di cui al comma 4 ovvero se risulta manifestamente infondata; altrimenti, dispone il procedersi al giudizio di revisione, al quale si applicano le norme stabilite per il procedimento disciplinare.

    8. Contro la decisione che dichiara inammissibile l’istanza di revisione e’ ammesso ricorso alle sezioni unite penali della Corte di cassazione.

    9. In caso di accoglimento dell’istanza di revisione la sezione disciplinare revoca la precedente decisione.

    10. Il magistrato assolto con decisione irrevocabile a seguito di giudizio di revisione ha diritto alla integrale ricostruzione della carriera nonche’ a percepire gli arretrati dello stipendio e delle altre competenze non percepiti, detratte le somme corrisposte per assegno alimentare, rivalutati in base alla variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e di impiegati.

    Capo III
    MODIFICA DELLA DISCIPLINA IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ, DISPENSA DAL SERVIZIO E TRASFERIMENTO DI UFFICIO

    Art. 26.
    Modifiche all’articolo 2 del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, in materia di trasferimento di ufficio di natura amministrativa.

    1. All’articolo 2, secondo comma, del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, le parole da: «per qualsiasi causa» a: «dell’ordine giudiziario» sono sostituite dalle seguenti: «per qualsiasi causa indipendente da loro colpa non possono, nella sede occupata, svolgere le proprie funzioni con piena indipendenza e imparzialita».

    2. Alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, gli atti relativi ai procedimenti amministrativi di trasferimento di ufficio ai sensi dell’articolo 2, secondo comma, del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, pendenti presso il Consiglio superiore della magistratura, per fatti astrattamente riconducibili alle fattispecie disciplinari previste dagli articoli 2, 3 e 4, del presente decreto, sono trasmessi al Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di cassazione per le sue determinazioni in ordine all’azione disciplinare.

    Art. 27.
    Modifiche all’articolo 3 del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, in materia di trasferimento di ufficio di natura amministrativa.

    1. All’articolo 3, primo comma, del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, dopo il primo periodo e’ aggiunto il seguente: «Se l’infermità o la sopravvenuta inettitudine consentono l’efficace svolgimento di funzioni amministrative, il magistrato dispensato può essere destinato, a domanda, a prestare servizio, nei limiti dei posti disponibili, presso il Ministero della giustizia, secondo modalità e criteri di comparazione definiti con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica e il Ministro dell’economia e delle finanze, tenuto conto del tipo e della gravità dell’infermità o della sopravvenuta inettitudine. Il magistrato dispensato mantiene il diritto al trattamento economico in godimento, con l’eventuale attribuzione di un assegno ad personam riassorbibile, corrispondente alla differenza retributiva tra il trattamento economico in godimento alla data del provvedimento di dispensa e il trattamento economico corrispondente alla qualifica attribuita.».

    Art. 28.
    Modifiche all’articolo 11 del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12

    1. L’articolo 11 dell’ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e successive modificazioni, e’ sostituito dal seguente:

    «Art. 11 (Decadenza per inosservanza del termine per assumere le funzioni). – Il magistrato, che non assume le funzioni nel termine stabilito dall’articolo precedente, o in quello che gli e’ stato assegnato con disposizione del Ministro, decade dall’impiego.

    Il magistrato decaduto dall’impiego ai sensi del primo comma si considera aver cessato di far parte dell’ordine giudiziario in seguito a dimissioni.

    La disposizione di cui al secondo comma si applica anche alla ipotesi di decadenza prevista dall’articolo 127, primo comma, lettera c), seconda parte, del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3.».

    Art. 29.
    Modifiche agli articoli 18 e 19 del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12

    1. Gli articoli 18 e 19 dell’ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto n. 12 del 1941, e successive modificazioni, sono sostituiti dai seguenti:

    «Art. 18 (Incompatibilità di sede per rapporti di parentela o affinità con esercenti la professione forense). – I magistrati giudicanti e requirenti delle corti di appello e dei tribunali non possono appartenere ad uffici giudiziari nelle sedi nelle quali i loro parenti fino al secondo grado, gli affini in primo grado, il coniuge o il convivente, esercitano la professione di avvocato.

    La ricorrenza in concreto dell’incompatibilità di sede e’ verificata sulla base dei seguenti criteri:

    a) rilevanza della professione forense svolta dai soggetti di cui al primo comma avanti all’ufficio di appartenenza del magistrato, tenuto, altresì, conto dello svolgimento continuativo di una porzione minore della professione forense e di eventuali forme di esercizio non individuale dell’attività da parte dei medesimi soggetti;

    b) dimensione del predetto ufficio, con particolare riferimento alla organizzazione tabellare;

    c) materia trattata sia dal magistrato che dal professionista, avendo rilievo la distinzione dei settori del diritto civile, del diritto penale e del diritto del lavoro e della previdenza, ed ancora, all’interno dei predetti e specie del settore del diritto civile, dei settori di ulteriore specializzazione come risulta, per il magistrato, dalla organizzazione tabellare;

    d) funzione specialistica dell’ufficio giudiziario.

    Ricorre sempre una situazione di incompatibilità con riguardo ai Tribunali ordinari organizzati in un’unica sezione o alle Procure della Repubblica istituite presso Tribunali strutturati con un’unica sezione, salvo che il magistrato operi esclusivamente in sezione distaccata ed il parente o l’affine non svolga presso tale sezione alcuna attività o viceversa.

    I magistrati preposti alla direzione di uffici giudicanti e requirenti sono sempre in situazione di incompatibilità di sede ove un parente o affine eserciti la professione forense presso l’Ufficio dagli stessi diretto, salvo valutazione caso per caso per i Tribunali ordinari organizzati con una pluralità di sezioni per ciascun settore di attività civile e penale.

    Il rapporto di parentela o affinità con un praticante avvocato ammesso all’esercizio della professione forense, e’ valutato ai fini dell’articolo 2, comma 2, del regio decreto legislativo 31 maggio 1946, n. 511, e successive modificazioni, tenuto conto dei criteri di cui al secondo comma.

    Art. 19 (Incompatibilità di sede per rapporti di parentela o affinità con magistrati o ufficiali o agenti di polizia giudiziaria della stessa sede). – I magistrati che hanno tra loro vincoli di parentela o di affinità sino al secondo grado, di coniugio o di convivenza, non possono far parte della stessa Corte o dello stesso Tribunale o dello stesso ufficio giudiziario.

    La ricorrenza in concreto dell’incompatibilità di sede e’ verificata sulla base dei criteri di cui all’articolo 18, secondo comma, per quanto compatibili.

    I magistrati che hanno tra loro vincoli di parentela o di affinità sino al terzo grado, di coniugio o di convivenza, non possono mai fare parte dello stesso Tribunale o della stessa Corte organizzati in un’unica sezione ovvero di un Tribunale o di una Corte organizzati in un’unica sezione e delle rispettive Procure della Repubblica, salvo che uno dei due magistrati operi esclusivamente in sezione distaccata e l’altro in sede centrale.

    I magistrati che hanno tra loro vincoli di parentela o di affinità fino al quarto grado incluso, ovvero di coniugio o di convivenza, non possono mai far parte dello stesso collegio giudicante nelle corti e nei tribunali.

    I magistrati preposti alla direzione di uffici giudicanti o requirenti della stessa sede sono sempre in situazione di incompatibilità, salvo valutazione caso per caso per i Tribunali o le Corti organizzati con una pluralità di sezioni per ciascun settore di attività civile e penale. Sussiste, altresì, situazione di incompatibilità, da valutare sulla base dei criteri di cui all’articolo 18, secondo comma, in quanto compatibili, se il magistrato dirigente dell’ufficio e’ in rapporto di parentela o affinità entro il terzo grado, o di coniugio o convivenza, con magistrato addetto al medesimo ufficio, tra il presidente del Tribunale del capoluogo di distretto ed i giudici addetti al locale Tribunale per i minorenni, tra il Presidente della Corte di appello o il Procuratore generale presso la Corte medesima ed un magistrato addetto, rispettivamente, ad un Tribunale o ad una Procura della Repubblica del distretto, ivi compresa la Procura presso il Tribunale per i minorenni.

    I magistrati non possono appartenere ad uno stesso ufficio giudiziario ove i loro parenti fino al secondo grado, o gli affini in primo grado, svolgono attività di ufficiale o agente di polizia giudiziaria. La ricorrenza in concreto dell’incompatibilità e’ verificata sulla base dei criteri di cui all’articolo 18, secondo comma, per quanto compatibili.».

    Capo IV
    DISPOSIZIONI FINALI E AMBITO DI APPLICAZIONE

    Art. 30.
    Ambito di applicazione

    1. Il presente decreto non si applica ai magistrati amministrativi e contabili.

    Art. 31.
    Abrogazioni

    1. Oltre a quanto previsto dal decreto legislativo di attuazione della delega di cui all’articolo 1, comma 3, della legge n. 150 del 2005, sono abrogati, dalla data di acquisto di efficacia delle disposizioni contenute nel presente decreto:

    a) l’articolo 12 del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e successive modificazioni;

    b) gli articoli 17, 18, 19, 20, 21, 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37 e 38 del regio decreto legislativo n. 511 del 1946;

    c) gli articoli 57, 58, 59, 60, 61 e 62 del decreto del Presidente della Repubblica 16 settembre 1958, n. 916;

    d) l’articolo 14, primo comma, n. 1), della legge 24 marzo 1958, n. 195.

    Art. 32.
    Decorrenza di efficacia

    1. Le disposizioni contenute nel presente decreto legislativo sono efficaci a far data dal novantesimo giorno successivo a quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

    *.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close